Connect with us

Attualità

Zafferano, l’oro rosso di San Cassiano

L’Azienda Agricola LPP nata da un’idea dei sancassianesi Davide Palmieri e Jacopo Pede e della spagnola Lucìa Lòpez Ortiz produce e immette sul mercato il prezioso zafferano

Pubblicato

il

Tre ragazzi e un sogno costruito intorno ad un terreno di due ettari e dei bulbi da curare e coccolare prima di farli diventare attraverso sapienti procedimenti del prezioso zafferano.


Quella dello zafferano è una coltivazione insolita alle nostre latitudini, anche se la storia riporta di coltivazioni del prezioso bulbo nel 1500. Loro tre però ci hanno creduto e continuano a crederci. Oro Rosso, Azienda Agricola LPP è nata da un’idea dei sancassianesi Davide Palmieri, laureato in Scienze dell’Economia e della Gestione Aziendale presso l’Università Alma Mater Studiorum di Bologna e Jacopo Pede, laureato Magistrale in Giurisprudenza presso l’Università degli studi A. Moro di Bari, insieme alla spagnola Lucìa Lòpez Ortiz, laureata in Tecnologia e Innovazione Alimentare presso l’Universidad Europea Miguel de Cervantes de Valladolid.


Abbiamo incontrato Davide Palmieri che, seppur a malincuore, si è concesso una pausa dal lavoro nei campi per raccontarci dell’esperienza che sta vivendo insieme agli altri ragazzi. Come vi è venuta l’idea?

«Avevamo in mente di fare qualcosa in agricoltura e abbiamo deciso di dedicarci alla campagna e farne il nostro futuro investendo i nostri risparmi».

Perché proprio lo zafferano? «Durante un viaggio in Spagna con Lucia, la mia compagna, visitammo una coltivazione di zafferano. Tramite alcuni suoi amici siamo venuti a conoscenza di un coltivatore decennale che ci ha invitati a vedere la raccolta: è stato colpo di fulmine!».

Che utilizzo si può fare dello zafferano? «Il condimento per il risotto è il più conosciuto.  In realtà le possibilità sono molteplici e noi stessi abbiamo cercato di promuovere, anche mediante i mercatini estivi in giro per il Salento, ricette nuove ed interessanti: la crema pasticcera allo zafferano, la maionese allo zafferano e tante altre prelibatezze.  Lo zafferano si può usare dappertutto in cucina, sia per la preparazione di piatti dolci che salati. In più viene utilizzato anche in farmacia per le sue tante proprietà organolettiche e terapeutiche, grazie al suo potere antiossidante. Ha inoltre anche la proprietà di… mettere di buon umore!».

Lo si può integrare con le ricette tipiche salentine? «Basta pensare allo “scapece”, antico piatto nostrano viene preparato con lo zafferano.  Quella caratteristica mollica dal colore giallo è data proprio da questa spezia».
Dove coltivate? «Attualmente coltiviamo lo zafferano su dei terreni di famiglia , utilizzandone per lo zafferaneto 2 ettari». Che tipo di attenzioni prevede una coltura del genere? «La sua coltivazione dura tutto l’arco dell’anno: viene messo a dimora tra metà agosto ed inizio settembre; ad ottobre germogliano i bulbi; segue la fioritura che dura due o tre settimane con picchi di 5-6 giorni nel corso dei quali la piena fioritura è uno spettacolo della natura («per quest’anno, nel mese di novembre, abbiamo pensato ad una sorta di “Campi Aperti”, un’ iniziativa che preveda la possibilità di visitare i campi e godere di tale spettacolo»). Durante quei giorni abbiamo raccolto più di 50mila fiori al giorno. Vanno raccolti la mattina presto col bocciolo ancora chiuso per non disperderne le proprietà. Nel primo pomeriggio (“tutto deve essere fatto in giornata”) la sbrinatura per la quale godiamo dell’aiuto di familiari ed amici del  paese. Subito dopo si procede all’essiccazione nel nostro laboratorio professionale ad una temperatura di circa 40°C».


Fino ad oggi le vostre speranze nello zafferano hanno trovato le risposte che cercavate? «Per avere una produzione così’ importante siamo sempre riusciti a piazzare tutto il prodotto. Il primo anno, era il 2018, abbiamo presentato il nostro progetto ad un’azienda romagnola che ha apprezzato tanto da venire a San Cassiano per le verifiche del caso al  nostro zafferano («certificato a residuo zero e non presenta tracce di fitofarmaci o altri agenti chimici») e avviare un rapporto di collaborazione con il nostro zafferano che è stato immesso sul mercato per arivare sulle tavole di tanti italiani».


Per meglio comprendere le potenzialità del mercato basti pensare che in Italia vengono prodotti circa 600 chili di zafferano all’anno, una quantità irrisoria rispetto a quanto ne viene consumato. A voi quest’anno com’è andata?  «Abbiamo prodotto un po’ più di due chili, numeri più che soddisfacenti se si considera che occorrono 600 ore di manodopera per un chilo di zafferano oltre 250mila fiori».

Qual è il costo medio dello zafferano? «In Italia il prezzo oscilla dai 20 ai 50 euro al grammo. Da noi costa 24 euro al grammo e, per inciso, giusto per smontare eventuali pregiudizi, quello salentino non ha nulla da invidiare al più rinomato zafferano coltivato in Abruzzo e in Sardegna».

Chiunque può acquistare da voi? «Certo, basta contattarci telefonicamente (320 807 6928 e 328 144 1261) o tramite Facebook».



Attualità

The King of Mortadella a Propaganda Live su La7

Pubblicato

il


Nella puntata di ieri sera di Propaganda Live, su La7, The king of Mortadella.





L’ormai noto brand salentino, nato a Tiggiano, sbarca in TV durante la simpatica rassegna stampa social di Diego Bianchi, che ripercorre post e tweet della settimana che han fatto sorridere.




Il video






Continua a Leggere

Attualità

Tricase: da lunedì vaccini all’Acait per gli over 80

Potrà presentarsi presso il nuovo Centro Vaccini nell’ex-Acait di Tricase chi non ha ancora ricevuto la prima somministrazione, chi ha già effettuato la prenotazione ed anche chi non l’ha ancora effettuata

Pubblicato

il

A Tricase, nel nuovo centro vaccini, a partire da lunedì 12 aprile, dalle ore 9 alle ore 20, si procederà alla vaccinazione dei cittadini over 80 (nati entro il 31 dicembre 1941).

Potranno presentarsi presso il Centro Vaccini, ubicato presso il Capannone del Complesso ex-Acait di Tricase: coloro che non hanno ancora ricevuto la prima somministrazione; coloro che hanno già effettuato la prenotazione; coloro che non hanno ancora effettuato la prenotazione.

Per evitare assembramenti e attese, gli ingressi al Centro vaccinale saranno scaglionati nel seguente modo:

dalle ore 9 alle ore 12: cognomi dalla lettera A alla lettera F;

dalle ore 12 alle ore 15: cognomi dalla lettera G alla lettera N;

dalle ore 15 alle ore 18: cognomi dalla lettera O alla lettera S;

dalle ore 18 alle ore 20: cognomi dalla lettera T alla lettera Z.

Proprio ieri il sindaco Antonio De Donno aveva postato la notizia del completamento del nuovo Centro Vaccini con tanto di sopralluogo già effettuato dal Direttore del Distretto Socio sanitario di Gagliano del Capo Rocco Palese.

Il sindaco ha poi voluto “ringraziare i volontari, la giunta, gli uffici e tutti coloro che hanno lavorato senza sosta per rendere immediatamente attivabile il punto vaccinale della nostra città non appena giunto il via libera da parte del Distretto”.

Oggi”, ha concluso il primo cittadino, “è un bel giorno per la nostra comunità”.

Continua a Leggere

Attualità

Furbetti del vaccino, chi sono

Sono diverse le inchieste aperte sui furbetti del vaccino da procure di mezza Italia…

Pubblicato

il

Sono più di 2 milioni e 300.000 gli italiani che sotto la voce “altro”, hanno già ricevuto almeno una dose di vaccino.

Più di una su 5 delle 12 milioni di dosi somministrate è andata a persone non inserite nelle liste delle priorità.

La platea degli over 80 immunizzati è ancora lontana e, pertanto, come ha dichiarato il premier Draghi, le riaperture saranno possibili solo nelle regioni che hanno messo in sicurezza i più anziani.

Non sono tutti furbetti del vaccino.

Il report del commissario Figliuolo non menziona come voci a parte gli over 70 e le persone con gravi patologie che quasi tutte le regioni hanno cominciato a vaccinare.


In Regioni come la Sicilia, la Calabria, la Puglia, la Campania, la Toscana questa voce, però, ha numeri che sfiorano il 30% delle somministrazioni totali.

In alcune liste, appartenenti ai cosiddetti servizi essenziali, si è infilato chiunque: dai magistrati agli avvocati per finire con i sacerdoti di Taranto, giovani seminaristi compresi.

Sono diverse le inchieste aperte sui furbetti del vaccino da procure di mezza Italia e anche la commissione antimafia ha aperto un’istruttoria.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus