Alla scoperta dell’ecologia

Studenti europei alla scoperta dell’ecologia: ecco i vincitori delle gare ideate dall’Università del Salento. La premiazione è in programma giovedì 24 maggio 2018, alle ore 15.30 nella Sala Triangolare del Castello di Otranto, dove l’Ateneo salentino e il Museo su Ecologia degli ecosistemi mediterranei incontreranno oltre 120 studenti provenienti da scuole secondarie italiane ed europee per l’evento conclusivo delle competizioni di ecologia disputate nel corso dell’anno scolastico 2017/2018.

Sotto la guida del professor Alberto Basset e del suo gruppo di ricerca, l’Università del Salento è da anni impegnata nell’ideazione e organizzazione, appunto, di competizioni nazionali e internazionali per studenti delle scuole secondarie, tra le quali “Ecopotential 4 Schools”, una gara scientifica che, facendo leva sullo spirito di competizione, offre una motivazione aggiuntiva per accostarsi allo studio delle scienze naturali e, in particolare, all’ecologia.

Saranno premiati, in particolare, i vincitori delle tre gare europee organizzate nell’ambito dei progetti Ecopotential, ENVRIplus e MEDCIS e, a livello nazionale, i vincitori della gara online di ecologia EcoLogicaCup.

«Rafforzare le conoscenze ecologiche e approfondire la comprensione del funzionamento degli ecosistemi è essenziale per disegnare scenari sostenibili e affrontare le questioni sociali, economiche e geopolitiche con cui le nostre società si devono confrontare quotidianamente», commenta il professor Alberto Basset, «Se da un lato è necessario un nuovo approccio alla scienza ecologica, come una scienza integrata e integrante, dall’altro è necessario che la cittadinanza svolga un ruolo attivo. Forse non è facile descrivere come sarà il pianeta tra 20 o 30 anni, ma è chiaro che le sue condizioni attuali e future determineranno il nostro benessere. Infatti, viviamo ormai in un contesto ecologico che influenza le scelte politiche, economiche e sociali, indirizzandole in traiettorie all’apparenza incomprensibili, ma che sono invece condivise da centinaia di migliaia di altre specie animali, che, come noi oggi, iniziano a essere limitate dalle risorse naturali», conclude Basset, «Una educazione ‘ecologica’ è quindi sempre più necessaria per dare alle giovani intelligenze chiavi di lettura che permettano loro di scrivere un futuro di successo, per le loro vite e per quella del pianeta. Mi auguro che il piccolo contributo delle iniziative promosse dall’Università del Salento possa essere un seme che germinando porti alla diffusione di una vera e propria cultura ‘ecologica’».

Nel corso della premiazione interverranno il Sindaco e l’Assessora alle Risorse Ambientali del Comune di Otranto, Pierpaolo Cariddi e Domenica De DonnoGianni Podo per la Provincia di Lecce; Marcello Seclì di Italia Nostra; Giuseppe De Matteis per l’oasi del WWF Cesine; e Fernando Coluccia di Legambiente Otranto. Dopo la cerimonia sarà possibile visitare il Museo su Ecologia degli ecosistemi mediterranei dell’Università del Salento, sul Faro di Punta Palascia.

Tags:


Commenti

commenti