Connect with us

Attualità

Così la scienza cerca di salvare gli ulivi

Progetto di ricerca con la collaborazione multidisciplinare di diversi centri di ricerca internazionali coordinati dal CNR di Bari, Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante – IPSP

Pubblicato

il

Da queste parti non c’era mai stata la Xylella fastidiosa, il batterio responsabile dell’infezione secca le piante di ulivo. Le prime avvisaglie si sono avute nel 2008, e poi dal 2013 è iniziata un’epidemia che ha colpito in modo particolare il Salento, ma che inizia a manifestarsi anche in Francia (in Corsica, e nell’area continentale vicino Nizza) e Spagna (Isole Baleari).
È una novità assoluta per l’Italia e per l’Europa, e per questo, in cerca delle soluzioni più efficaci per conoscerla, capire come si espande e sconfiggerla, sono al lavoro squadre di ricerca internazionali, strategie multidisciplinari, diversi metodi e approcci.
La Fondazione CMCC si sta impegnando in attività che coniugano il contributo di esperti agronomi ed ecologi, con complessi modelli di simulazione del clima e dei comportamenti delle piante e con il contributo del supercomputer che, con sede a Lecce, elabora dati per fornire informazioni utili a ricostruire la vulnerabilità delle piante all’infezione.
Tra le priorità c’è, ad esempio, lo sviluppo di tecniche per la diagnosi precoce dei sintomi di Xylella fastidiosa a diversi livelli, dalla singola foglia fino alla scala territoriale. È quello che si sta facendo nell’ambito del progetto finanziato dall’Unione Europea, XF-Actors (questo il nome del progetto di ricerca), che vede la collaborazione multidisciplinare di diversi centri di ricerca internazionali (fra cui la Fondazione CMCC) coordinati dal CNR di Bari, Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante – IPSP.
In particolare, la Fondazione CMCC formulerà modelli di impatto del clima sulla vulnerabilità dell’olivo.
Utilizzeremo pacchetti di sensori messi sul tronco degli ulivi“, spiega Monia Santini del CMCC. “Così  acquisiremo dati in continuum su alcuni parametri eco-fisiologici della pianta, come temperatura e oscillazioni del diametro del tronco, viscosità e velocità della linfa, livelli di penetrazione della luce attraverso la chioma“.
In questo modo si potrà monitorare lo stato di salute delle singole piante e capire molto velocemente quali, pur essendo sane, sono altamente vulnerabili a causa delle condizioni ambientali circostanti, quali manifestano i primi sintomi di infezione da Xylella fastidiosa, e quali sono soggette ad una più o meno veloce diffusione della malattia e del disseccamento.
Inoltre, simulazioni climatiche regionali sull’Europa saranno utilizzate per una mappatura su come e dove potrebbe avanzare e diffondersi il batterio nei prossimi decenni grazie ad un clima ad esso favorevole, con l’identificazione di potenziali corridoi preferenziali e aree di diffusione.
Si tratta di attività che si combinano anche con altri obiettivi e che consentono di migliorare le pratiche in corso per quello che riguarda la prevenzione e la mappatura delle piante infette. Su questo si concentra un altro progetto della fondazione CMCC, “Antidote”, finanziato dalla Regione Puglia e realizzato in collaborazione con un team dell’Università del Salento con i Prof. Angelo Corallo e Giuseppe Ciccarella.
Utilizzando i sensori e integrandoli con le informazioni dai modelli fisico-matematici per la riproduzione delle fasi vegetative dell’olivo, si arriverà a una metodologia d’avanguardia per il rilevamento precoce e il monitoraggio sul territorio.
Cercheremo di ricostruire la fenologia della pianta, capire come cresce, in che periodo è più probabile che avvenga la fioritura o la maturazione delle olive, e quindi come variano i parametri fisiologici all’interno delle varie fasi. Potremo così capire in quale periodo dell’anno c’è più probabilità che gli alberi siano infettati, perché più vulnerabili, o che l’infezione da Xylella fastidiosa possa diffondersi più facilmente e combinarsi con altri fattori quali ad esempio lo stress idrico dovuto a siccità. Sulla base dei modelli saranno infine realizzate soluzioni IT per l’analisi dei dati, a supporto dell’allerta e/o prevenzione dell’attacco e diffusione della Xylella fastidiosa“.

Attualità

Tricase: la festa di Santa Barbara coi Vigili del Fuoco

Il Vescovo, Mons. Angiuli, ha celebrato una Santa Messa in ricordo delle vittime sul lavoro, con un pensiero particolare ai tre Vigili del Fuoco che recentemente hanno perso la vita ad Alessandria

Pubblicato

il

Si sono svolti i festeggiamenti in onore di Santa Barbara protettrice dei vigili del fuoco.

È stata celebrata una santa messa in onore di tutti i pompieri caduti sul lavoro, in particolare ai Vigili del Fuoco di Alessandria recentemente rimasti uccisi dopo essere intervenuti a spegnere le fiamme in  un cascinale a seguito di un incendio a quanto pare doloso.

La Santa Messa è stata celebrata per l’occasione dal Vescovo di Ugento Santa Maria di Leuca, Mons. Vito Angiuli.

Alle celebrazioni odierne oltre al Capo Distaccamento di Tricase Cosimo Monsellato, ha preso parte anche il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, Giuseppe Bennardo.

Continua a Leggere

Attualità

Ufficiali, Cavalieri e Onorificenze al Merito

Domani la consegna delle Onorificenze dell’Ordine “Al Merito della Repubblica italiana” e degli attestati di Benemerenza al Merito Civile conferiti dal Ministro dell’Interno a Francesco e Federico Morelli per il gesto di coraggio compiuto il 18 ottobre 2011 nel salvataggio in mare del pilota di un ultraleggero dopo un ammaraggio di emergenza a Torre Chianca

Pubblicato

il

Domani dalle ore 17,30 nell’Auditorium del Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, si terrà la consegna delle Onorificenze dell’Ordine “Al Merito della Repubblica italiana” conferite dal Presidente della Repubblica a salentini, nonché la consegna di attestati di Benemerenza al Merito Civile conferiti dal Ministro dell’Interno a Francesco e Federico Morelli (rispettivamente padre e figlio all’epoca dei fatti appena 14enne) che si sono distinti per il gesto di coraggio compiuto il 18 ottobre 2011 nel salvataggio  in mare del pilota di un ultraleggero dopo un ammaraggio di emergenza in località Torre Chianca.

La cerimonia, promossa dal Prefetto della Provincia di Lecce Maria Teresa Cucinotta, prevede la partecipazione delle istituzioni della provincia e dei sindaci dei comuni di residenza degli insigniti.

Gli studenti del Conservatorio di Musica “Tito Schipa ” di Lecce arricchiranno la manifestazione con l’esecuzione di brani musicali per violino e chitarra.

Onorificenze all’Ordine del Merito

Le onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana sono conferite dal Presidente della Repubblica ed attestano le benemerenze acquisite per meriti personali nel campo delle lettere, delle arti, dell’economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.

Le proposte per il conferimento delle Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana vengono curate dal Prefetto della Provincia di residenza, che ne predispone l’istruttoria, fornendo il proprio parere in relazione al grado onorifico da conferire, sia su richiesta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sia di  propria iniziativa.

L’Ordine è suddiviso nei seguenti gradi onorifici: Cavaliere di Gran Croce, Grande Ufficiale, Commendatore, Ufficiale, Cavaliere.

Di norma non si possono conferire onorificenze in favore di cittadini italiani che non abbiano compiuto il 35° anno di età, ad eccezione di particolari motivi che ne giustifichino la concessione.

Tra una onorificenza e l’altra di grado superiore occorre, di norma, una permanenza di almeno tre anni.

Riceveranno il grado onorifico di Ufficiale

  • il Maggiore Antonio Petrachi (deceduto, ritirerà l’onorificenza il figlio Massimiliano) di Lecce, ex Comandante del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo del Comando Gruppo Carabinieri di Bari;
  • il Maggiore Salvatore Antonio Martire Capasa, di Cavallino, ex Maggiore dell’Esercito presso la Scuola di Cavalleria di Lecce

I diplomi di Cavaliere

  • Teresa Chianella di Gallipoli, presidente della Commissione Pari Opportunità di Bari;
  • Pierpaolo Mano, di Lecce, ex Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi ed ora in servizio presso il Comando Generale del Corpo;
  • Col.Gabriele Ventura, di Lecce, Comandante della Sezione Anticrimine dei Carabinieri di Lecce;
  • Capitano Cosimo Errico, di Casarano, ex Comandante della Compagnia Carabinieri di Casarano, attualmente comandante del Nucleo Investigativo del reparto operativo del Comando provinciale di Grosseto;
  • Ten. Daniele Cocciolo di Squinzano, Comandante del Nucleo Operativo Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Brindisi;
  • Capitano di Vascello Mario De Rosa, di Lecce, Capo Ufficio presso Stato Maggiore Marina Militare di Roma;
  • Michele Giannachi, di Corigliano d’Otranto, Maresciallo Capo dell’Arma dei Carabinieri addetto alla Stazione Carabinieri di Nociglia;
  • Giovanni De Giovanni, di Lecce, ex funzionario azeindale e autore di testi teatrali;
  • Antonio Manni, di Castro, Maresciallo Maggiore dell’Arma dei Carabinieri in servizio presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri;
  • Benito D’Angelo, di Lecce, ex Sottufficiale dei Carabinieri;
  • Daniele Merico, di Matino, Brigadiere Capo dei Carabinieri presso Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Casarano;
  • Antonio Panico, di Galatina, Maresciallo maggiore dei Carabinieri in servizio presso il Nucleo Operatico Ecologico di Lecce;
  • Daniele Girolamo Tedesco, di Casarano, ex Luogotenente con cariche speciali dell’Arma dei Carabinieri;
  • Alessandro Tricarico, di Sannicola, Appuntato Scelto con Qualifiche Speciali dell’Arma dei Carabinieri presso il Comando Provinciale di Lecce;
  • Giovanni Vigliotti, di Parabita, Appuntato Scelto dei Carabinieri in servizio presso Compagnia di Casarano;
  • Vincenzo Renna, di Squinzano, ex Commissario della Polizia di Stato;
  • Rocco Ria, di Surbo, ex Sovrintendente del Capo della polizia di Stato presso la Questura di Lecce;
  • Giuseppe Ciardo, di Gagliano del Capo, Luogotenente della Guardia di Finanza presso la Tenenza di Tricase;
  • Stefano Donadeo, di Spongano, Appuntato Scelto della Guardia di Finanza della Compagnia di Otranto;
  • Fernando Ferilli, di Casarano, Vice Brigadiere Compagnia Guardia di Finanza di Gallipoli;
  • Luigi Renis, di San Donato di Lecce, ex Luogotenente dell’Aeronautica Militare dello Stato Maggiore della Difesa – Reparto Informazione e Sicurezza del Centro Interforze di Lecce;
  • Giovanni Nuzzo, di Minervino di Lecce, ex Sottufficiale dell’Esercito, Comando Brigata Genio di Udine;
  • Marcella Rucco, di Lecce, ex Provveditore agli Studi di Lecce;
  • Ferdinando Valentino, di Copertino, ex Direttore del Servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce;
  • Vincenzo Mosca, di Trepuzzi, ex Sovrintendente della Polizia di Stato presso la Questura di Lecce;
  • Gioconda Paola Casto, di Salve, vice presidente Commissione Pari Opportunità di Salve ed imprenditrice nel settore utristico;
  • Arturo Imperio, di Lecce, ex Direttore Tributario dell’Agenzia delle Entrate di Lecce;
  • Marco Imperio, di Lecce, revisore legale, imprenditore informatico;
  • Aldo Sacquegna, di Lecce, artigiano presso sartoria Ditta Lord di Lecce;
  • Maria Stampete, di Castrignano de’ Greci, maestra di merletto al tombolo della tradizione canturina;
  • Donato Maggiulli, di Galugnano (San Donato di Lecce), collaboratore amministrativo contabile del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
Continua a Leggere

Attualità

Argento mondiale per il panettone di Giuseppe Zippo

Miglior panettone del mondo 2019: secondo posto assoluto per il pasticcere di Specchia

Pubblicato

il

È salentino il secondo panettone più buono del mondo.

Lo prepara il pasticcere Giuseppe Zippo, titolare della pasticceria “Le Mille Voglie” di Specchia, vincitore della medaglia d’argento al concorso “Miglior panettone del mondo 2019” organizzato dalla Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria FIPGC, che si è concluso oggi, domenica 17 novembre, a Roma, nelle sale di Palazzo Falletti.

Erano ben 165 i pasticceri in gara: tra loro alcuni provenienti dalla Cina al Giappone, Arabia Saudita e anche dalle più vicine Francia e Spagna.

Zippo ha gareggiato nella categoria panettone classico. Ha preparato il suo panettone artigianale durante la 14esima edizione di Agrogepaciok (Salone nazionale della gelateria, pasticceria, cioccolateria e dell’artigianato agroalimentare) che si è svolta nei giorni scorsi a Lecce Fiere e per la quale ha coordinato il Forum di Pasticceria con l’Associazione Pasticceri Salentini di Confartigianato Imprese Lecce.

«È stata dura ma sono felice», dichiara Zippo, «perché ho vinto grazie a un panettone ‘condiviso’, così l’ho ribattezzato, perché l’ho realizzato durante la fiera Agrogepaciok tra mille impegni e difficoltà causate anche dal maltempo e grazie alla collaborazione e al supporto di tecnici di aziende diverse e colleghi che si sono riuniti per seguire la lievitazione, agli stand con i forni operativi che mi hanno permesso di cuocere l’impasto, all’incoraggiamento di tanti amici. Davvero è un premio che devo condividere con tante persone, una gioia immensa».

Il panettone di Giuseppe Zippo è realizzato con maestria artigianale e, soprattutto, con prodotti di prima qualità: farina, burro, tuorli d’uovo, lievito madre, zucchero, arancia candita, cedro candito, uvetta sultanina, bacche di vaniglia, miele, mandorle per la glassa.

La giuria del concorso era formata dai campioni del mondo di pasticceria, gelateria e cioccolateria Roberto Lestani, Matteo Cutolo, Enrico Casarano e dai maestri pasticceri pluripremiati a livello internazionale Mario Morri e Gianni Pina. Il primo premio, nella categoria panettone classico, è andato a Bruno Andreoletti (Brescia) e Gianluca Cecere (Pasticceria Baiano, Marano di Napoli).

Per il pasticcere di Specchia, si tratta di un nuovo prestigioso riconoscimento: già nel 2016 aveva vinto il primo premio per il “Miglior panettone artigianale d’Italia” nell’ambito del “Panettone Day”, organizzato durante la manifestazione “Sweety of Milano” e ha conquistato anche il primo posto nella categoria “Panettone Tradizionale Piemontese”, nell’ambito della quinta edizione del Concorso “Una Mole di Panettoni” di Torino, sempre nel 2016.

«Giuseppe Zippo si conferma un’eccellenza del nostro territorio», commenta Carmine Notaro, organizzatore di Agrogepaciok, «e questo nuovo premio che gli è stato assegnato è motivo di orgoglio per il nostro Salone nazionale e per l’intero Salento. Congratulazioni, maestro”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus