Connect with us

Carpignano

Coltivava marijuana: nei guai 30enne

In campagna a cielo aperto con ben 13 piante: beccato dai finanzieri

Pubblicato

il

Aveva 13 piante di marijuana, ben visibili dalla strada, tanto da finire nel mirino della Guardia di Finanza.

E’ finito nei guai così un 30enne di Martano proprietario di una vera e propria coltivazione di cannabis in campagna.

L’attività dei finanzieri è partita in agro di Corigliano d’Otranto, dove sono state trovate le prime piante nei pressi di una abitazione, per poi proseguire nelle campagne di Carpignano Salentino, in un terreno di proprietà del sospettato.

Dalle perquisizioni sono emerse tredici piante, quasi 650 grammi di sostanza stupefacente essiccata e circa 100 grammi di semi, tutto sequestrato dai militari della Guardia di Finanza appartenenti alla Compagnia di Otranto ed alla Tenenza di Maglie. Il 30enne, invece, è stato stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce.

Appuntamenti

I Cuori di Cioccolato di Telethon

Il 15, 21 e 22 dicembre anche in Puglia. Per sostenere #contuttoilcuore la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare

Pubblicato

il

Domenica 15, sabato 21 e domenica 22 dicembre in più di 3mila piazze in Italia sarà possibile ricevere il Cuore di cioccolato di Fondazione Telethon per supportare la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare. Il Cuore di cioccolato, disponibile nella versione fondente, al latte, e al latte con granella di biscotto e prodotto da Caffarel in esclusiva per Telethon, è un omaggio distribuito in tutte le province d’Italia dai volontari di Fondazione Telethon e UILDM, e di Avis, Anffas, Azione Cattolica e UNPLI, come ringraziamento per una donazione minima di 12 euro. Quest’anno inoltre sarà possibile richiedere anche la confezione regalo da nove cuoricini di cioccolato fondente, distribuita nelle piazze con una donazione di 5 euro.

Gli hashtag della campagna saranno #presente, per far sentire la propria vicinanza anche sui social network ai pazienti e alle loro famiglie, e #contuttoilcuore, come le donazioni con cui gli italiani ogni anno dimostrano il loro grande impegno solidale.

In Puglia saranno allestiti banchetti a Bari, Brindisi, Barletta-Andria-Trani, Foggia, Lecce, Taranto e in molti Comuni delle rispettive province, dove saranno distribuiti i simbolici Cuori di cioccolato, grazie ai volontari di Fondazione Telethon e UILDM, e di Avis volontari sangue, Anffas e UNPLI.

Sul sito www.telethon.it sarà presente l’elenco dei punti di raccolta dove sarà possibile richiedere il prodotto. Per coloro che non potranno recarsi nelle piazze ma vogliono comunque sostenere la ricerca, è possibile richiedere il Cuore di cioccolato direttamente sul sito internet di Fondazione Telethon, nella sezione shop.telethon.it.

È possibile inoltre partecipare in prima persona alla campagna come volontario nelle piazze italiane e aiutare a distribuire i Cuori di cioccolato, telefonando al numero 06.44015758 oppure scrivendo una mail all’indirizzo volontari@telethon.it.

I Cuori di cioccolato sono prodotti in esclusiva per Fondazione Telethon dall’azienda torinese Caffarel che vanta una storia pluricentenaria nell’arte cioccolatiera, producendo cioccolato d’eccellenza con grande attenzione alla qualità degli ingredienti e alla selezione delle materie prime (senza glutine).

Ogni confezione sarà arricchita all’interno con una cartolina in cui si ringrazia con tutto il cuore e si fa riferimento ai 30 anni di attività di Fondazione Telethon.

Inoltre, è presente un invito a compilare il form sul sito www.telethon.it/cuore per ricevere in omaggio un planner esclusivo da personalizzare per i propri momenti importanti.

La Maratona RAI

Con la maratona 2019 inizia la grande festa per i 30 anni di Fondazione Telethon, che dal 1990 lavora per dare risposte ai pazienti e ai loro familiari. Grazie a chi ha donato la sua fiducia, sono stati raggiunti risultati straordinari che stanno migliorando la vita e curando bambini di tutto il mondo con la terapia genica.

Ma ancora tanti altri risultati arriveranno se tutti i sostenitori di Fondazione Telethon continueranno a far sentire la loro presenza con donazioni e azioni concrete per aiutare i ricercatori a sviluppare nuove cure per un numero sempre più alto di malattie genetiche.

Sabato 14 dicembre in prima serata su Rai 1, Antonella Clerici condurrà Festa di Natale, la serata interamente dedicata a Fondazione Telethon, nella suggestiva cornice dell’Auditorium Rai.

A partire da domenica 15 dicembrela maratona Telethon proseguirà sulle tre reti Rai con un’ideale staffetta dei più importanti conduttori, fino a sabato 21 dicembre, con un’edizione serale speciale de I soliti ignoti.

L’edizione 2018 della storica maratona sulle reti Rai ha permesso di raccogliere 31 milioni e 455.757 euro, che sono stati destinati a sostenere e finanziare la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare.

Il numero solidale: 45510

Dal 1° al 31 dicembre 2019 sarà attivo il numero solidale 45510.

Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, iliad, Coop Voce e Tiscali.

Sarà possibile donare anche chiamando da telefono fisso TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali (5 e 10 euro); TWT, Convergenze, PosteMobile e Clouditalia (5 euro).

Donazione con carta di credito NEXI

Dal 1° al 31 dicembre sarà attivo il Numero verde NEXI 800 11 33 77 per le donazioni con Carta di Credito.

I partner rispondono #presente

Anche quest’anno le aziende partner sono al fianco di Fondazione Telethon nel sostegno alla migliore ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare, con BNL Gruppo BNP Paribas, presente ogni giorno da oltre 28 anni insieme alle Società del Gruppo.

Anche AEFI Associazione Esposizioni e Fiere Italiane, AZ, BofrostCNH Industrial, DHL, Esselunga, Ferrarelle, FindomesticFIT Federazione Italiana Tabaccai, FPT Industrial, ItaloIvecoLottomatica Italia Servizi attraverso la sua controllata LISIP Istituto di Pagamento, MarionnaudMercato CentraleOral-BSEA aeroporti di MilanoSofidel e Telesia rispondono #presente e scendono in campo con diverse iniziative di raccolta fondi a favore della Fondazione, per dare il proprio contributo alla ricerca.

Carpignano, Castrignano del Capo e Castro sono Comuni del Cuore

Anche le Pubbliche Amministrazioni potranno sostenere Fondazione Telethon. In questi giorni è partito il reclutamento dei Comuni del Cuore, un progetto che mira a coinvolgere le amministrazioni pubbliche nello sviluppo di alcune iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi per entrare a far parte dell’albo dei Comuni del Cuore.

Ogni Comune potrà sostenere la Fondazione principalmente in quattro modi: organizzando un banchetto di raccolta fondi per la distribuzione dei Cuori di cioccolato il 15, 16 e\o 22 dicembre nelle piazze; organizzando un evento\banchetto di raccolta fondi in un altro momento dell’anno; distribuendo i prodotti solidali all’interno del Comune o utilizzandoli come regalo per i dipendenti; con una donazione tramite delibera della giunta comunale.

I comuni riceveranno quindi il logo I Comuni del Cuore da pubblicare sul proprio sito per testimoniare la vicinanza al mondo della ricerca Telethon e l’iscrizione all’albo I Comuni del Cuore come già hanno fatto i Comuni salentini di Carpignano, Castrignano del Capo e Castro

Per inviare il modulo di adesione o per richiedere ulteriori informazioni è possibile inviare una email a entipubblici@telethon.it o segreteriaorg.telethon@legalmail.it oppure telefonare al numero 06 44015783.

Come continuare a sostenere Fondazione Telethon

È possibile sostenere Fondazione Telethon tutto l’anno attraverso il sito web con una donazione (https://www.telethon.it/sostienici/dona-ora/) o scegliendo un prodotto solidale (shop.telethon.it/), oppure sottoscrivendo il programma di donazione regolare Io adotto il Futuro (www.ioadottoilfuturo.it/).

Fondazione Telethon

Fondazione Telethon è una delle principali charity biomediche italiane, nata nel 1990 per iniziativa di un gruppo di pazienti affetti da distrofia muscolare. La sua missione è di arrivare alla cura delle malattie genetiche rare grazie a una ricerca scientifica di eccellenza, selezionata secondo le migliori prassi condivise a livello internazionale. Attraverso un metodo unico nel panorama italiano, segue l’intera “filiera della ricerca” occupandosi della raccolta fondi, della selezione e del finanziamento dei progetti e dell’attività stessa di ricerca portata avanti nei centri e nei laboratori della Fondazione.

Telethon inoltre sviluppa collaborazioni con istituzioni sanitarie pubbliche e industrie farmaceutiche per tradurre i risultati della ricerca in terapie accessibili ai pazienti. Dalla sua fondazione ha investito in ricerca oltre 528 milioni di euro, ha finanziato oltre 2.630 progetti con oltre 1.600 ricercatori coinvolti e più di 570 malattie studiate. Ad oggi grazie a Fondazione Telethon è stata resa disponibile la prima terapia genica con cellule staminali al mondo, nata grazie alla collaborazione con GlaxoSmithKline e Ospedale San Raffaele.

Strimvelis, questo il nome commerciale della terapia, è destinata al trattamento dell’ADA-SCID, una grave immunodeficienza che compromette le difese dell’organismo fin dalla nascita. La terapia genica è in fase avanzata di sperimentazione anche per la leucodistrofia metacromatica (una grave malattia neurodegenerativa), la sindrome di Wiskott-Aldrich (un’immunodeficienza), la beta talassemia, e due malattie metaboliche dell’infanzia (rispettivamente, la mucopolisaccaridosi di tipo 6 e di tipo 1).

Inoltre, all’interno degli istituti Telethon è in fase avanzata di studio o di sviluppo una strategia terapeutica mirata anche per altre malattie genetiche, come per esempio l’emofilia o diversi difetti ereditari della vista. Parallelamente, continua in tutti i laboratori finanziati da Telethon lo studio dei meccanismi di base e di potenziali approcci terapeutici per patologie ancora senza risposta.

Continua a Leggere

Attualità

Dal Salento a Londra… Si vive una volta sola!

Alla Conferenza Internazionale di Cineturismo. L’obiettivo è quello di promuovere la Puglia come un “set a cielo aperto” dove, oltre a beneficiare di location d’eccellenza, è possibile avvalersi di competenza, professionalità ed efficacia organizzativa

Pubblicato

il

La collaborazione voluta da Regione Puglia tra la Fondazione Apulia Film Commission e l’Agenzia Pugliapromozione, diventa motivo di interesse anche fuori dall’Italia.

Saranno Simonetta Dellomonaco Antonio Parente, rispettivamente presidente e direttore generale di Apulia Film Commission, insieme con Nancy Dell’Olio per l’Agenzia regionale PugliaPromozione, i protagonisti di un panel in cui sarà illustrata la collaborazione dell’accordo realizzato con la produzione FilmAuro di Luigi Aurelio De Laurentiis del film “Si vive una volta sola” di Carlo Verdone, girato nel Salento.

L’incontro, che si terrà venerdì 29 a Londra, è inserito all’interno della Conferenza Internazionale di Cineturismo (“The International Screen Tourism Conference”) organizzata da Film London, agenzia a capo dello sviluppo dell’industria audiovisiva a Londra e gestisce anche la British Film Commission, responsabile per tutto il Regno Unito di promuovere e attrarre produzioni filmiche e televisive sull’intero territorio nazionale.

«L’azione messa in campo nel caso del film di Verdone»,  commenta la presidente Simonetta Dellomonaco, «fa parte di una nostra precisa strategia che consiste nel promuovere le bellezze della Puglia e, contemporaneamente, incidere in maniera significativa sul rafforzamento e la competitività della filiera industriale cinematografica regionale. L’obiettivo è quello di promuovere la Puglia come un “set a cielo aperto” dove, oltre a beneficiare di location d’eccellenza, è possibile avvalersi di competenza, professionalità ed efficacia organizzativa. Questo film ne è l’esempio».

L’accordo tra AFC e Pugliapromozione è nato dall’intento di realizzare attività di interesse comune per la valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale regionale, attraverso la promozione della Puglia come destinazione di viaggio o luogo d’industria culturale cinematografica. L’intento, quindi, è finalizzato alla promozione del cine-turismo e all’immagine della Puglia come location cinematografica e destinazione tristica con un’ampia gamma di offerta culturale e paesaggistica e, contestualmente, dell’incontro e del networking internazionale del settore culturale.

L’accordo con FilmAuro, produttori e distributori del film “Si vive una volta sola” di Carlo Verdone, rappresenta un primo intervento di comarketing strategico per Apulia Film Commission e Pugliapromozione. Dallo script del film, infatti, emerge chiaramente come si tratti di un film in cui il cuore della storia è un viaggio in Puglia.

La campagna di comunicazione sul mercato Italia del 2020 sarà dunque incentrata su un viaggio in Puglia e servirà a promuovere la nostra regione come meta da sogno per un pubblico vasto e variegato che Carlo Verdone raggiunge con i suoi film.

Girato tra Bari, Polignano, Monopoli, Otranto, Castro, Santa Cesarea Terme, Conversano, Porto Badisco e  Serrano (Carpignano Salentino), il film racconta di un quartetto di medici, tre uomini e una donna, tanto abili in sala operatoria – visto che persino il Papa si affida alle loro cure – quanto inaffidabili, fragili e maldestri nella vita privata.

Il Professor Umberto Gastaldi (Carlo Verdone) guida una formidabile équipe medica composta dalla strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), dall’anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e dal suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora): un team di eccellenti professionisti della medicina ma anche e soprattutto un gruppo di insospettabili e implacabili maestri della beffa, sorprendenti nel gioco di squadra e insuperabili nel partorire scherzi spietati, specialmente se la vittima di turno è il loro amico Amedeo.

Ma la vita è piena di sorprese e durante uno sconclusionato viaggio on the road verso i mari del Sud d’Italia, la Puglia, – fra incontri surreali, stupefacenti rivelazioni ed esilaranti avventure – i quattro amici inciamperanno in un’esperienza che non dimenticheranno mai, un colpo di scena che potrebbe cambiare per sempre le loro vite. Perché tutto può succedere se sotto un camice bianco, dietro uno stetoscopio, batte un cuore da adolescente.

“Si vive una volta sola” è una irresistibile, beffarda radiografia dei nostri tempi del regista romano che ancora una volta ci regala uno spaccato del presente attraverso il suo sguardo acuto, dissacrante e sempre originale.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Carpignano Sociale e Solidale

Mese del Benessere Psicologico: esperti psicologi creeranno spazi di riflessione al servizio della comunità

Pubblicato

il

Spazi dedicati alla comunità per il decimo anniversario della giornata che ricorre sabato 19 ottobre e promuove l’attività di sensibilizzazione della cittadinanza al concetto di benessere psicologico.

La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non la semplice assenza di malattia: ad affermarlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che dal 2011 ha introdotto il  Mese del Benessere Psicologico.

In occasione di tale ricorrenza anche quest’anno l’Ordine degli Psicologi della Regione Puglia organizza la tradizionale campagna di sensibilizzazione e promozione della cultura del benessere.

L’amministrazione comunale, in particolar modo l’assessorato ai servizi sociali, istruzione e pari opportunità, hanno previsto nell’ambito della prima edizione di Carpignano Sociale e Solidale un seminario dal titolo Introspettive 2019 Diritto alla libera Espressione delle Emozioni.

L’appuntamento è per sabato 19 ottobre, alle ore 17,30, presso la Sala «Don Pino Palanga » in via G. Leopardi a Carpignano Salentino.

Esperti psicologi creeranno spazi di riflessione al servizio della comunità.

Interverranno: Mirko Antoncecchi, psicologo, psicoterapeuta, docente Istituto Gestalt di Puglia; Marcella Piccinni psicologa sessuologa; Davide Mancini, psicologo; Rosaria Tamborrino, psicologa, psicoterapeuta; Vitanna Curigliano, psicologa, psicoterapeuta; Michela Garzia, psicologa Rete dei Centri Antiviolenza SanFra; Barbara Ferrari, presidente Cooperativa Otranto Zoè, Comunità per Minori.

Il Mese del Benessere Psicologico è un’iniziativa volta a diffondere la cultura del benessere psicologico, sposando la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per cui “la salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non la semplice assenza di malattia”.

L’attività di sensibilizzazione della cittadinanza al concetto di benessere psicologico passa attraverso l’organizzazione di attività di consulenza e la promozione della professionalità dello psicologo come figura che previene l’emergere del disagio e della malattia, promuove il benessere, favorisce uno scambio relazionale sano durante tutto il ciclo di vita, sostiene le persone durante le fasi di maggiore criticità.

Il mese di ottobre sarà costellato di tanti eventi, prime consulenze gratuite, seminari e workshop organizzati dai numerosi professionisti dislocati in tutta la Puglia

M.Maddalena Bitonti

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus