Connect with us

Tricase

Tricase, il G.A.T. “Rocco Indino dimettiti!”

Dura nota del Gruppo Aperto Tricase: “Il Presidente del Consiglio comunale si dimetta ed il Sindaco ascolti la minoranza politica”.

Pubblicato

il

Dura nota del Gruppo Aperto Tricase con la quale si chiedono a viva voce le dimissioni del presidente del Consiglio comunale, Rocco Indino e maggiore attenzione alle minoranze da parte del sindaco Antonio Coppola.

GATLa dialettica politica nel nostro paese vive un periodo molto “intenso”. Ogni parte politica porta avanti le sue ragioni, com’è giusto che sia, ma spesso, forse al fine di nascondere le proprie mancanze, qualcuno si dimentica del ruolo che ricopre. Si arriva ad assistere a scene, come quelle del penultimo Consiglio Comunale del 20 marzo scorso (il video è disponibile sul sito del Comune link consigli on line), ove, al fine di procedere celermente alla votazione dei punti n. 11 e 12 dell’ordine del giorno approfittando dell’assenza del Consigliere di minoranza (assentatosi per espletare un bisogno fisiologico), il Sindaco con ampi gesti intima di sedersi al Consigliere di maggioranza Carmine Zocco che stava per iniziare il suo intervento, il tutto con l’avallo del Presidente del Consiglio Comunale (si, avete capito bene, il Presidente del Consiglio Comunale), figura che dovrebbe ricoprire un ruolo super partes. Ma quest’ultimo ha fatto di più: dimenticandosi delle telecamere, ha mentito spudoratamente al Consigliere di minoranza (rientrato dopo giusto due minuti) che meravigliato chiedeva come mai si stesse già discutendo il punto n. 13 dell’ordine del giorno. Rispondeva, infatti, che nessuno, sebbene da lui invitato, aveva chiesto di intervenire e che si era proceduto a votazione. Dopo aver visionato più volte il filmato, ci siamo convinti della inaudita gravità dell’accaduto. Non è stata derisa solo la minoranza politica di questo paese, ma il paese stesso. Le idee politiche possono essere anche estremamente divergenti, ma scene come queste sono inaccettabili e dequalificanti. Ma vi è di più! Il Presidente, pressato dal Sindaco e dalla foga di chiudere subito, ha fatto votare le delibere con un numero di componenti del Consiglio (nove) inferiore al numero legale necessario per la validità dell’adunanza (undici), come prescritto dal regolamento comunale, con la conseguenza che le delibere sono inesistenti e devono essere riportate in Consiglio. Ancora più grave che sul frontespizio delle delibere viene annotata la presenza di numero dodici componenti del Consiglio presenti e votanti, anziché nove come effettivamente si vede dal filmato, un falso grossolano! A questo punto, sarebbe stato coerente, per il Presidente del Consiglio, formalizzare le proprie dimissioni. Invece, nell’ultimo Consiglio comunale si è limitato a chiedere scusa al Consigliere di minoranza coinvolto nella vicenda dimenticandosi platealmente che le scuse principali avrebbe dovuto rivolgerle alla città intera. Ma sarebbe stato chiedere troppo, evidentemente. Noi comunque vogliamo chiedere, e chiediamo, che il Presidente del Consiglio comunale formalizzi le proprie dimissioni, chissà che non si possa vedere un comportamento coerente e rispettoso nei confronti di una intera città. Altro comportamento inaccettabile è quello che negli ultimi Consigli Comunali viene tenuto dal Sindaco. È mai possibile che ogni qualvolta effettui il proprio intervento una parte della minoranza, il Sindaco esce dall’aula consiliare per poi rientrare alla fine dell’intervento? Un Sindaco, proprio per il ruolo che ricopre dovrebbe ascoltare tutti, indistintamente. Il nostro primo cittadino invece sembra non sopportare chi fa proposte alternative e soprattutto chi gli rinfaccia il mancato rispetto delle regole e delle normative, al punto da preferire allontanarsi pur di non sentire. Addirittura, sempre con più frequenza, arriva ad attaccare la credibilità professionale della persona. Non sembra un comportamento corretto. Il primo cittadino deve ricordare che rappresenta un’intera città, anche quando afferma che si scomodano inutilmente la Corte dei Conti o la Procura della Repubblica. Secondo noi chi invita al rispetto delle regole, in ogni settore, va sempre assecondato e stimolato ad essere controllore per tranquillità propria e dell’intera comunità, soprattutto quando -e succede sistematicamente- quelle verifiche risultano fondate. In caso contrario si ripeteranno casi come quello dell’incarico di consulenza per il PUG conferito indebitamente dalla Giunta Coppola al Politecnico di Bari, che è costato ai cittadini di Tricase oltre 10.000 euro di spese legali per l’illegittimità dell’affidamento riconosciuta dal TAR. Se il primo cittadino avesse ascoltato, almeno quella volta, chi, proprio nella minoranza, invitava responsabilmente e per tempo a rivedere la procedura di incarico, oggi avrebbe 10.000 euro in più nelle casse comunali, magari da utilizzare per una festa cittadina a base di rum e sigari cubani. Proviamo a scherzarci sopra, ma in realtà verrebbe da piangere”.

Gruppo Aperto Tricase

Continua a Leggere

Attualità

Tricase Compra e Vinci: i premiati

I 10mila euro in buoni acquisto saranno spesi nelle attività che hanno partecipato al concorso e verranno rimborsati per intero ai commercianti dell’associazione

Pubblicato

il

Consegnati i premi del concorso Tricase Compra e Vinci promosso dall’Associazione Commercianti e che ha tenuto banco in tutta l’estate tricasina.

Il primo premio che portava in dotazione la bellezza di 5mila euro in buoni acquisto è andato a Francesco D’Amico; secondo premio e duemila euro ad Antonia Blandolino; Alberto Ciardo si è aggiudicato i 1.500 euro del terzo premio; a Sandra Vincenti (l’unica non tricasina, è di Specchia) il 4° premio e mille euro; infine Antonio Facchini si è aggiudicati i 500 euro del 5° premio in palio.

Come hanno spiegato dall’Associazione Commercianti i buoni acquisti si possono spendere nelle attività che hanno partecipato al concorso e verranno rimborsati per intero ai commercianti dell’associazione, «in questo modo è sempre denaro che resta sul territorio».

L’estrazione de 10mila euro in buoni acquisto è stata effettuata in Piazza Cappuccini lo scorso 9 agosto alla presenza del Notaio Stefania Pallara; al concorso hanno partecipato tutti coloro che hanno effettuato anche un solo acquisto, di almeno 20euro, in una delle attività associate. Hanno aderito all’iniziativa ben 162 attività tra artigiani, piccoli imprenditori e commercianti.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase Porto: la spiaggetta è nuda

Ad ogni temporale la stessa storia con la sabbia trascinata in mare. Schiuma rabbia il sindaco Chiuri: «Ogni volta ci costa dei soldi, speriamo di avere quanto prima i permessi per realizzare un cordolo di contenimento»

Pubblicato

il

Che fine ha fatto la spiaggetta di Tricase Porto?

Se lo saranno chiesti in molti in questi giorni, soprattutto nel post temporale di inizio settimana quando quella che una volta era la caratteristica spiaggetta ricoperta di rena è in pratica (ri)diventato uno scoglio nudo alla mercé delle onde.

«È una vicenda che si trascina da diversi anni e quel che mi rode è che ogni volta che accade ci costa un bel po’ di soldi», ha chiarito il sindaco di Tricase Carlo Chiuri, «il problema è sempre il solito, districarsi tra le maglie della burocrazia per avere i permessi per costruire un cordolo che contenga la sabbia. La questione comunque dovrebbe essere in via di risoluzione definitiva grazie ad un progetto già in giunta ed in attesa di approvazione».

«Si tratta di avere ancora un po’ di pazienza», gli fa eco l’ing. Vito Ferramosca, responsabile dell’ufficio tecnico, «grazie al progetto già in Giunta, entro l’anno prossimo quello della sabbia portata via dal maltempo dovrebbe rimanere solo un ricordo».

L’ingegnere poi spiega quanto accaduto negli ultimi giorni: «In seguito ad un temporale e in vista del Festival dell’Irregolare, in programma il 10 settembre scorso, ci siamo attivati per recuperare almeno parte della sabbia che era stata trascinata in mare. Sabbia di fiume», precisa, «perché quella di mare non si può prendere da altre spiagge, che avevamo già messo in loco a giugno. Il pomeriggio del 9 settembre siamo andati a recuperare la sabbia dal mare ma abbiamo dovuto rinviare i lavori perché fino alle 18 la spiaggetta era comunque piena di bagnanti. Ci siamo ripresentati  la mattina dopo all’alba e abbiamo rimesso a posto quanto possibile. Fatica inutile, però, perché il 10 settembre un altro temporale ha vanificato tutto il lavoro fatto».

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: suicidio in ospedale

Un uomo di 84 anni di Presicce si è gettato nel vuoto dalla tromba delle scale del “Card. Panico” dove era ricoverato

Pubblicato

il

Tragedia in ospedale a Tricase poco dopo le 7 di questa mattina.

Un uomo di 84 anni, di Presicce, ricoverato presso il “Card. Panico” si è lanciato nel vuoto dalla tromba delle scale del secondo piano del nosocomio.

Dalle prime ricostruzioni, pare che l’uomo, un militare in pensione ricoverato in oculistica, abbia eluso il controllo del personale sanitario dell’ospedale ed abbia repentinamente raggiunto la porta per le scale e l’avrebbe aperta dando così corpo all’insano gesto.

Nonostante gli immediati soccorsi per l’uomo non vi è stato nulla da fare ed i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Sul posto i carabinieri della Compagnia di Tricase.

Gli operatori sanitari, ancora sotto choc per quanto avvenuto, hanno riferito di non aver notato nulla che lasciasse presagire le intenzioni dell’anziano suicida.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus