Connect with us

News & Salento

Festival della conoscenza 2012: si parte da Zollino

Venerdì 2 marzo, dalle 18, nella sala polifunzionale del Centro Anziani di Zollino, “Chi siamo? Storia della diversità umana”. Dopo l’edizione del 2011, che ha visto

Pubblicato

il

Venerdì 2 marzo, dalle 18, nella sala polifunzionale del Centro Anziani di Zollino, “Chi siamo? Storia della diversità umana”. Dopo l’edizione del 2011, che ha visto protagonisti la grande astrofisica Margherita Hack e il prof. Antonio Prete (il più importante esperto di Leopardi vivente), l’Associazione Terre Lontane di Soleto ripropone la seconda edizione del Festival della Conoscenza del Salento. Il primo appuntamento, cui seguiranno in primavera e in estate alcuni incontri con ospiti tra i più illustri della cultura italiana e internazionale, vedrà protagonista il geologo Umberto Manni che condurrà il pubblico in un percorso multimediale che, partendo dalla descrizione degli aspetti fisici del nostro mondo e dei loro cambiamenti (la comparsa della vita e l’evoluzione fino alla comparsa dell’uomo) toccherà alcuni aspetti affascinanti e misteriosi dell’evoluzione culturale della nostra era. Non mancheranno ipotesi conclusive riguardanti il futuro… La serata, realizzata con il patrocinio del Comune di Zollino, sarà preceduta al mattino da un analogo incontro, opportunamente adattato, destinato agli alunni della scuola media e degli ultimi anni delle elementari di Zollino. Il Festival si propone di contrastare l’artificiosa separazione tra conoscenza “umanistica” e “scientifica”. Attualmente l’intellettualità più avvertita di entrambi i settori ha consapevolezza dei danni di tale divaricazione culturale, e si adopera nella direzione di un suo superamento: il “Festival della conoscenza”, che si ipotizza con cadenza annuale, ha l’obiettivo di contribuire alla ricomposizione delle culture, operando nell’ambito del territorio provinciale e, se il progetto continuerà negli anni successivi, in un territorio via via più ampio.

Continua a Leggere

Attualità

L’Uni Salento vicina alle popolazioni dell’Albania

Numerosi sono stati gli studenti albanesi che si sono formati nel nostro Ateneo: alcuni si sono fermati e integrati

Pubblicato

il

TERREMOTO IN ALBANIA, IL RETTORE FABIO POLLICE: «VICINI ALLA POPOLAZIONE»

Il Rettore dell’Università del Salento Fabio Pollice esprime la vicinanza della comunità accademica alla popolazione albanese, in questi giorni duramente colpita da una grave catastrofe naturale:

«Desidero che quelle popolazioni colpite dal sisma ci sentano vicini, sentano il nostro affetto. Un rapporto profondo ci lega e, guardando dalle nostre coste verso le vostre montagne, sappiamo che quel rapporto si rafforzerà negli anni a venire a beneficio delle nostre rispettive popolazioni” esordisce il Rettore Fabio Pollice, “nel segno di una comunione d’intenti che è già evidente nei progetti di cooperazione in corso. Con diversi Atenei albanesi abbiamo infatti stretto collaborazioni scientifiche e realizzato scambi accademici, insieme abbiamo contribuito a portare avanti significativi progetti tanto in ambito scientifico-tecnologico, quanto in ambito umanistico.

Numerosi sono stati gli studenti albanesi che si sono formati nel nostro Ateneo: alcuni si sono fermati e integrati, divenendo parte della nostra comunità, altri sono tornati in Albania portando con loro il calore della nostra terra. Confidiamo che altri studenti vengano in futuro a studiare da noi, come i nostri da voi e che si creino progetti formativi congiunti, progetti che rafforzino la coesione tra i nostri due popoli. Come comunità accademica ribadiamo”, chiude il Rettore, “la nostra vicinanza alla popolazione colpita dal sisma e siamo pronti a porre in essere qualsiasi iniziativa di collaborazione ci venga richiesta per aiutarla a rimettersi in piedi e tornare a guardare con fiducia al futuro».

Continua a Leggere

Attualità

Whoopi Goldberg a Marina Serra

Pubblicato

il

L’attrice statunitense Whoopi Goldberg è in Salento.

In questa splendida domenica di sole, dopo una colazione nel centro storico di Tricase, ha goduto delle bellezze del nostro mare.

Sul suo profilo instagram ha postato delle storie con dei video dalla piscina naturale di Marina Serra.

Ai suoi follower, di tutto il mondo, presenta la Puglia (terra d’origine di uno dei suoi più stretti collaboratori) partendo dall’aeroporto ed ironizzando sul fatto di essere in cerca di un bel posto dove trascorrere le sue vacanze. Poi eccola in riva al mare ad ammirare le cristalline acque di Marina Serra.
“Stavo per entrare in acqua ma ho pensato che non mi vorreste vedere nuda, quindi ho tenuto i vestiti”, scherza.

“Questo posto è naturale. L’ha fatto Dio. Guardate il colore dell’acqua, è semplicemente fantastico. Non sarebbe fantastico se tutta l’acqua del mondo fosse così? Non può succedere. Ma sarebbe bello”, commenta estasiata.

Continua a Leggere

Alessano

Alessano, riapre la chiesa S.M. degli Angeli, per tutti dei Cappuccini

Sarà monsignor Vito Angiuli, vescovo di Ugento-S.M. Leuca, a celebrare la riapertura al pubblico; per l’occasione verrà restituita alla città

Pubblicato

il

Domani 1° novembre, alle 17, riapre al culto la chiesa di Santa Maria degli Angeli, annessa al convento dei Cappuccini, ad Alessano.

Sarà monsignor Vito Angiuli, vescovo di Ugento-S.M. Leuca, a celebrare la riapertura al pubblico; per l’occasione verrà restituita alla città un’opera unica, la “Macchina d’altare” lignea del XVII secolo, con al centro una tela di altissimo valore, che raffigura il “Perdono di Assisi” con effigiati San Francesco e Santa Chiara, San Leonardo e Sant’Antonio Antonio da Padova che pregano il Cristo e la Vergine.

Ieri, grazie alla prodigalità di fra Francesco Monticchio, guardiano del Convento di Alessano, è stata presentata l’opera restaurata con il contributo della Fondazione “Banca Popolare Pugliese – Giorgio Primiceri”, della Soprintendenza alle Belle Arti, dei cittadini e del comune di Alessano, della Fondazione “Don Tonino Bello” e della Diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca.

Il sindaco di Alessano, Francesca Torsello, ha espresso l’auspicio affinché «questa Chiesa diventi una stazione obbligata del cammino del pellegrino alla tomba di don Tonino».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus