Connect with us

Lecce

Lecce: proposto un tavolo permanente sul carcere

Di fronte al progressivo aggravarsi della situazione all’interno del Carcere di Lecce, la Direttrice dott. Piccinni ha convocato per oggi, su proposta della Confsal-Unsa di Puglia

Pubblicato

il

Di fronte al progressivo aggravarsi della situazione all’interno del Carcere di Lecce, la Direttrice dott. Piccinni ha convocato per oggi, su proposta della Confsal-Unsa di Puglia, un incontro allargato a Sindacati, rappresentanze interne dei dipendenti, responsabili dei servizi, quadri dirigenti amministrativi e della polizia penitenziara. “Alcune ore di discussione”, commenta Giovanni Rizzo, segretario regionale della Confsal-Unsa, Giovanni Rizzo, “non hanno fatto che rendere ancora più palese la sensazione di disagio e di allarme esistente. Una popolazione detenuta triplicata (1500) rispetto al tollerabile (500 ); organico di polizia penitenziaria sottodimensionato di circa 200 unità; carenza di servizi sanitari che provocano poi superlavoro al personale; turni sempre più faticosi; personale amministrativo diminuito del 35 % in pochi anni; carenza di interventi e di fondi, tanto da tendere moroso l’Istituto nei confronti dell’INPS edell’INAIL; sempre più ridotte le attività di “trattamento”, che consentono di impegnare i detenuti costruttivamente abbattendone l’aggressività causata dalla reclusione, con conseguente aumento dei problemi di sicurezza. Sono solo alcuni punti dolenti della situazione”, aggiunge Giovanni Rizzo, “del resto ormai noti anche all’esterno. Ho quindi proposto, nel corso dell’incontro che era appunto tra addetti ai lavori, di superare le dinamiche dell’esplosione episodica di ‘casi’ e di avviare un confronto continuativo: un tavolo permanente paritetico, continuativo come continua è l’emergenza. Il tavolo permanente tra Sindacati, Amministrazione, operatori, centrerebbe molti obiettivi. Primo, quello di dare all’esterno la consapevolezza dell’urgenza e dell’emergenza, tale da imporre l’analisi e l’iniziativa unitaria. Secondo, la mancanza di frazionismi, rivalità, protagonismi individuali o collettivi. Terzo, l’analisi dei problemi e l’elaborazione finale di una serie di punti critici e di proposte quanto meno organizzative e poi di livello più elevato per ottenere le risorse necessarie: non è sbagliato rivolgersi alla mediazione e all’intervento del Prefetto. L’emergenza”, conclude Rizzo, “causa anche un irrigidimento nei rapporti tra amministrazione e personale. Lo stress, il sovraccarico, il disagio possono portare a un rilassamento dei servizi, cui si può pensare di riparare con una disciplina più rigida. Motivo di più per confrontarsi e agire concordemente, e anche presto”.

Continua a Leggere

Attualità

Elisa per la Notte della Taranta, sono per metà salentina…

Fiiiiiiiiuh…   Qui si trema e si studia ragazzi. Ci si vede a Melpignano il 24 agosto

Pubblicato

il

Che emozione grande, studiare le mie radici… che conosco pochissim0, ma io sono in effetti per metà salentina 🔥🔥🔥(mamma e papà di papà erano di Gallipoli).

Cercherò di dare proprio tutta l’anima per questa festa così piena di calore e di tradizioni bellissime che è la Notte Della Taranta.
Fiiiiiiiiuh…   Qui si trema e si studia ragazzi. Ci si vede a Melpignano il 24 agosto!

Manca Pocooooooo 😱😱😱

Elisa

https://www.facebook.com/elisaweb/

Continua a Leggere

Appuntamenti

De Santis: “Pienone negli alberghi per la Notte della Taranta”

Pubblicato

il

Come riportato da “Il Sole 24 ore”, il presidente di Federalberghi Lecce Raffaele De Santis ha evidenziato che si registra il tutto esaurito nelle strutture alberghiere del Salento nella settimana del Concertone de La Notte della Taranta.

Secondo i dati fornit, infatti, dal 19 al 25 agosto c’è un aumento di prenotazioni nelle strutture ricettive  salentine. “Questo dato, spiega Raffaele De Santis presidente di  Federalberghi Lecce, è parzialmente in controtendenza rispetto alla lieve flessione di richiesta turistica che si è registrata quest’anno nel periodo estivo. Non solo pienone dunque nella settimana clou dell’evento di Melpignano,  ma anche un nuovo dato che riguarda i turisti stranieri. Oltre alle consuete presenze dall’Europa e in particolare da Francia e Germania, nel 2019  aumentano le presenze da America, Australia e Cina”.

Il dato complessivo conferma quanto già evidenziato dal rapporto realizzato da CISET (Centro internazionale di studi sull’economia turistica) insieme a Confcommercio Iatlia e Agis: “Gli effetti della Notte della Taranta sulla ricettività sono quindi percepiti soprattutto nell’appuntamento del concertone finale, che è segnalato da quasi la metà degli operatori del Salento come ragione di aumento delle prenotazioni”.

Dallo stesso rapporto emerge che in ciascuna edizione, a partire da una spesa diretta dei visitatori sul territorio pari a 16,8 milioni € (di cui 13 milioni nei servizi), si generano 6 milioni € di valore aggiunto nel territorio. A fronte di un budget di circa 1,2 milioni di Euro speso nell’organizzazione di ciascuna edizione, ogni euro investito nell’evento produce 14 Euro di spesa dei visitatori, per 5 Euro di valore aggiunto.

Spesa degli spettatori in loco: € 16,8 milioni totale, di cui € 13,4 milioni per servizi; € 3,4 milioni per beni

Valore aggiunto prodotto dalla spesa degli spettatori in loco: € 6,3 milioni totale; € 5,8 milioni per servizi e € 540 mila per beni.

Cecilia Leo

Continua a Leggere

Cronaca

Infarto in spiaggia: bimba salva per miracolo

In ospedale assieme a lei anche 50enne che ha accusato malore assistendo alla scena

Pubblicato

il

Ha un lieto fine la storia di una piccola bambina di appena un anno e mezzo colpita da infarto oggi in spiaggia.

La bimba era in braccio al suo papà, in località Spiaggiabella, sulla costa leccese, quando si è improvvisamente accasciata.

Il pronto intervento le ha salvato la vita. È stata soccorsa subito da un medico, un uomo originario del Bangladesh che si trovava sul posto, per poi essere accompagnata al Vito Fazzi di Lecce dopo l’arrivo del 118.

Con lei, poco dopo, un 50enne che assistendo alla scena ha, a sua volta, accusato un malore.

Anche per lui fortunatamente nessuna grave conseguenza.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus