Connect with us

Cronaca

Peppino Basile, 13 anni dopo l’assassinio

Il “Comitato Pro Basile”: «Noi non dimentichiamo e non faremo mai dimenticare». Domani  momento di preghiera presso la tomba del consigliere nel cimitero di Ugento ove verrà depositata una corona di fiori

Pubblicato

il

Anche quest’anno, annunciano Giovanni D’Agata e Gianfranco Coppola per il Comitato “Pro-Basile”, seppur nel rispetto delle dovute cautele per arginare la pandemia da Covid-19, «non ci fermiamo nel mantenere alto il nostro ricordo e il bisogno di mantenere sempre alta l’attenzione su una vicenda rimasta senza giustizia e sulla vita di un Uomo e Politico straordinario quale il nostro compianto amico Peppino Basile».


Una storia tragica «su cui troppi, anche tra le alte “sfere”, hanno da subito cercato di stendere fumosi veli affinché potesse cadere quanto prima in un oblio che, tuttavia, per l’impegno di chi ancora vuole tenere alta la guardia nella speranza che un giorno possa emergere la verità, non si è mai realizzato».


Proprio per questo, in occasione della ricorrenza del tredicesimo anno dal brutale assassinio, gli amici del Comitato hanno deciso di ricordare Peppino Basile, consigliere provinciale e comunale di Ugento, barbaramente trucidato con 19 coltellate sulla soglia di casa sua la notte del 15 giugno 2008 e la cui tragica fine è rimasta uno dei casi irrisolti degli ultimi anni: la macchina della giustizia non è riuscita a trovare alcun colpevole. Ed allora, i suoi amici e i cittadini che hanno aderito al comitato, hanno deciso di non fermarsi neanche di fronte all’emergenza sanitaria e, seppur con le dovute cautele, ricorderanno l’amico combattivo e passionario rappresentante delle istituzioni.


Quindi, come ogni anno, domani, martedì 15 giugno alle ore 17, «alcuni di noi, capofila il consigliere comunale Gianfranco Coppola, parteciperanno ad un momento di preghiera presso la tomba del consigliere nel cimitero di Ugento ove verrà depositata una corona di fiori».

«Altre iniziative pubbliche e gli eventi sportivi rivolti ai ragazzi che erano parte del suo impegno quotidiano», annunciano D’Agata e Coppola, «verranno organizzati appena le norme emergenziali del periodo che stiamo vivendo lo consentiranno». Tutto ciò perché «il ricordo dell’amore e della passione del “Figlio del Popolo” per questo territorio e per i suoi concittadini, ma anche la sua tragica fine e la sua lotta incessante contro il “sistema”, dovranno sempre essere da esempio soprattutto per le generazioni future».


Perché il ​suo sacrificio non resti invano: «Per la Legalità, la Tutela del Territorio e delle Istituzioni. Noi non dimentichiamo e non faremo mai dimenticare».


Cavallino

Auto distrutta dalle fiamme a Cavallino

Pubblicato

il

Una Audi station wagon ha preso fuoco nella notte a Cavallino

Poco dopo le 2, l’auto, in sosta in via Ariosto, è stata avvolta dalle fiamme.

Dal posto è partita una chiamata al 115 che ha fatto partire l’intervento dei vigili del fuoco di Lecce.

I caschi rossi hanno spento l’incendio e rimesso in sicurezza la zona. Tuttavia l’auto, di proprietà di un 30enne, era già andata distrutta.

La violenza del rogo ha fatto scattare delle indagini sull’accaduto: potrebbe trattarsi di dolo ma, al momento, non sono stati individuati elementi che lo possano confermare.

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

In diretta Rai la processione in mare della Madonna di Leuca

Collegamento nella giornata di Ferragosto dalle 18: “Occasione per riunire anche chi è lontano”

Pubblicato

il

Tutta l’Italia potrà assistere in diretta al tradizionale rituale della Festa della Madonna di Leuca che, nella giornata di Ferragosto, viene portata in mare in una processione di barche che la accompagnano fuori dal porto (foto di Giuseppina Ciardo).

Lo annuncia il Comune di Castrignano del Capo che spiega: “Sarà una importante occasione per riunirci tutti intorno a un simbolo religioso universale e a una radicata tradizione territoriale. In particolare per i nostri concittadini che per un motivo o per l’altro si trovano lontani dalla nostra terra“.

Sara Raiuno a trasmettere dalle 18 di domani a collegarsi, diretta, durante la trasmissione “La Vita in Diretta”, con l’inviato Mario Acampa.

Continua a Leggere

Cronaca

Frontale tra Presicce e Salve: uomo estratto dalle lamiere

Schianto sulla strada statale 274 e corsa in ospedale per uno dei coinvolti, ora sotto osservazione

Pubblicato

il

Tremendo incidente in mattinata tra due mezzi lungo la strada statale 274, la Gallipoli-Leuca.

Coinvolti un furgone ed un’auto nei pressi delle uscire per Salve e Presicce. Lo schianto, avvenuto attorno a mezzogiorno, ha letteralmente distrutto il furgone, un Fiat Doblò, divenuto irriconoscibile.

Il conducente di quest’ultimo, G. P., 28 anni di Sannicola, è rimasto bloccato nell’abitacolo, incastrato tra le lamiere.

Provvidenziale l’intervento dei vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase per estrarlo e consegnarlo al 118.

In ambulanza, poi, la corsa in ospedale in codice rosso per lui. L’uomo è stato trasportato al “Panico” di Tricase. Qui è sotto osservazione. Al momento non è dato sapere di più sulle sue condizioni.

Sotto shock ma illesa la 63enne di Patù alla guida della macchina coinvolta, una Alfa Romeo 147.

Fortunatamente non vi sono altri mezzi coinvolti, nonostante a quell’ora, in questi giorni, il traffico sulla statale sia consistente.

I carabinieri della Compagnia di Tricase, intervenuti sul posto dalla stazione di Presicce e con il Nucleo Radiomobile, si sono occupati della gestione del traffico, congestionato dall’accaduto, e dei rilievi del sinistro.

Lorenzo Zito

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus