“Noemi è morta, l’ho uccisa io”

Alla fine è crollato ed ha confessato il fidanzato della ragazza scomparsa da Specchia lo scorso 3 settembre.

Il ragazzo ha indicato agli inquirenti anche il luogo in cui ha nascosto il cadavere della sua fidanzatina, parzialmente ricoperto da pietre di un muretto a secco, in un pozzo sito in una campagna di Castrignano del Capo, sulla via per Santa Maria di Leuca, dove è già stato rinvenuto il corpo della giovane specchiese.

Sul luogo oltre a magistrati e carabinieri, gli uomini del Ris e i vigili del fuoco di Tricase chiamati al recupero del corpo subito dopo i rilievi della “Scientifica”.

Anche il padre del fidanzato è indagato, in concorso con il 17enne, per l’omicidio di Noemi.

Ad entrambi già notificati gli avvisi di garanzia.

Tags:


Commenti

commenti