Procurava la cocaina a “u Tannatu”, arrestato

Con l’arresto di Danilo Pugliese, detto “Babbalasciu”, 49enne pregiudicato brindisino, si può ritenere conclusa la doppia operazione, Barbapapà I e Barbapapà II condotta dai carabinieri della Compagnia di Gallipoli, unitamente alla Digos di Brindisi.

La prima operazione si era conclusa il 3 dicembre 2016 con la cattura  di Marco Barba, “u Tannatu”, 35enne elemento di spicco della Sacra Corona Unita nella sua articolazione territoriale denominata clan “Padovano”.

I reati contestati furono tentata estorsione, atti persecutori, attentati incendiari e dinamitardi in danno di commercianti e privati cittadini, porto e detenzione di munizionamento ed armi da fuoco di diversa tipologia, sia comune da sparo che da guerra, nonché di materiale esplodente.

“Barbapapà II”, invero, è stata eseguita il 15 maggio 2017, presso la casa circondariale di Lecce, sempre nei confronti di Barba, indagato questa volta per omicidio volontario e soppressione di cadavere, a seguito del rinvenimento, all’interno di un bidone, di un uomo di origine marocchine presso la Contrada del Carmine, nelle campagne gallipoline, il 31 gennaio 2017. Il monitoraggio delle attività tecniche avviate già dal 2016, tuttavia, ha consentito ai carabinieri di accertare come Barba, allora sottoposto agli arresti domiciliari, si rifornisse di cocaina proprio da Danilo Pugliese.

Per questo son scattate le manette nei confronti di Pugliese, mentre altri due individui sono indagati a piede libero.

Il 49enne pregiudicato brindisino, braccato dai carabinieri, ha infine deciso di consegnarsi nelle mani della Digos di Brindisi che, unitamente ai carabinieri della Compagnia di Gallipoli, gli hanno notificato il provvedimento, provvedendo successivamente ad accompagnarlo presso la casa circondariale di Lecce.

 

Tags:


Commenti

commenti