Connect with us

Cronaca

Rifiuti ammassati e dati alle fiamme

Deferiti un 64enne ed un 45enne, con quest’ultimo che accidentalmente ha provocato il propagarsi di un incendio pericoloso

Pubblicato

il

Tiene banco ancora la scarsa cultura ambientale e lo smaltimento illecito di rifiuti in Salento. Due situazioni particolari sono state, nelle scorse ore, individuate dai carabinieri tra Melendugno e Gallipoli.

A Melendugno un uomo di 64 anni aveva realizzato una sorta di mini discarica privata dove aveva ammassato, in un terreno di sua proprietà, scarti di vario tipo, dai più ai meno pericolosi e dannosi per l’ambiente.

I militari hanno rinvenuto prevalentemente materiale plastico, rottami ferrosi, pneumatici fuori uso e delle lastre ondulate di eternit, accatastate.

Per l’uomo è scattato il deferimento, stesso provvedimento che ha colpito un 45enne tavianese per simile condotta, se non più grave.

L’uomo infatti aveva messo assieme un mucchio di rifiuti, perlopiù pedane in legno e cartoni, per poi bruciarli in un terreno di cui risulta conduttore. Il tentativo di smaltire illecitamente i rifiuti si è però scontrato con le goffe modalità: ignorando il vento di queste ore e la sua pericolosità, infatti, l’uomo ha dato alle fiamme il mucchio di legname e carta provocando in pochi attimi un incendio divampato sulla vegetazione circostante.

Non bastasse, le fiamme hanno rapidamente avvolto anche un altro mucchio di rifiuti stipati nel terreno: cassette in plastica, pedane e cassette in legno, contenitori in polistirolo, tubazioni in plastica ed altro materiale plastico di vario genere utilizzato in agricoltura. L’incendio ha in breve fatto scattare l’allarme, richiedendo l’intervento del 115 per scongiurare pericoli ulteriori.

Cronaca

Tricase, piazza don Tonino Bello: pompieri salvano gattino

Era rimasto incastrato tra i tubi di areazione degli antichi granai della piazza appena restaurata

Pubblicato

il

Erano almeno una decina di giorni che quel gattino era rimasto incastrato nei tubi dell’areazione sotto la appena restaurata piazza Don Tonino Bello.

I passanti sentivano l’eco del suo miagolio, una richiesta di soccorso che, finalmente, grazie alla certosina opera dei vigili del fuoco del distaccamento di Tricase, ha trovato risposta.

Questa mattina forniti di telecamere e termocamere sono riusciti ad estrarlo sano e salvo ed il gattino ora gode di ottima salute.

Era rimasto incastrato nei tubi di areazione disseminati intorno agli antichi granai ora ricoperti da lastre di vetro.

L’operazione è stata lunga e complicata ma alla fine i vigili del fuoco tricasini hanno potuto festeggiare per il successo della missione.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Santa Cesarea: litiga con l’amico e l’accoltella

Sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e alcool a seguito di un litigio per futili motivi ha aggredito l’amico, 26enne rumeno e lo ha accoltellato

Pubblicato

il

Sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e alcool a seguito di un litigio per futili motivi ha aggredito l’amico, 26enne rumeno e lo ha accoltellato.

Per questo è finito nei guai L.I., 22 anni, residente a Roma e pregiudicato così come la vittima: fermato a Santa Cesarea Terme dai carabinieri dovrà rispondere di porto abusivo di arma da taglio atta ad offender, lesioni personali aggravate;  detenzione di sostanze stupefacenti,  psicotrope e specialità ad azione stupefacente.

L’uomo ferito è stato trasportato presso ospedale “Vito Fazzi” di Lecce  per la ferita da taglio subita.

I carabinieri hanno poi proceduto alla perquisizione domiciliare effettuata presso la dimora estiva sita dell’aggressore, rinvenendo il coltello a serramanico utilizzato e marijuana. Aggressore  e vittima, insieme ad altro loro amico (F.S., 25 anni, anche egli residente a Roma e pregiudicato), sono stati segnalati per la violazione all’art. 75 d.p.r. 309/90.

Continua a Leggere

Cronaca

Si ribalta con l’auto: paura per ragazza incinta

Incidente per giovanissima automobilista nel territorio di Ugento e corsa in ambulanza verso il “Fazzi”: scongiurate conseguenze gravi per la donna ed il nascituro

Pubblicato

il

Spaventoso cappottamento in auto stamattina sulla via che collega Torre Mozza a Torre San Giovanni, marine di Ugento.

Sfortunata protagonista una giovanissima automobilista, di 19 anni, che dopo aver perso il controllo della Fiat Panda che guidava, ne è rimasta prigioniera per alcuni lunghi minuti. Ad aggravare la situazione, il fatto che la ragazza sia incinta al sesto mese. I vigili del fuoco, accorsi sul luogo dell’incidente, hanno provveduto ad estrarla dalle lamiere, per poi affidarla agli uomini del 118.

La corsa in ospedale ha puntato dritto il “Vito Fazzi” di Lecce dove, per fortuna, pare che i medici non abbiano riscontrato gravi ferite per la donna e pare nessuna conseguenza anche il nascituro che porta in grembo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus