Connect with us

Collepasso

Troppe rapine in banca: “Prefetto faccia qualcosa”

La Federazione Autonoma Bancari Italiani: “Sette rapine nel Salento solo nell’ultimo trimestre! Si riunisca urgentemente il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica”

Pubblicato

il

La rapina del 21 febbraio scorso avvenuta a Lecce presso la filiale della Banca Apulia di via Leuca è soltanto l’ultimo evento criminoso che ha colpito il settore bancario della provincia.

Solo nell’ultimo trimestre compreso quella già citata di via Leuca a Lecce,  sono state sette le rapine in diversi istituti creditizi salentini:

  • 14 novembre 2018 BNL piazza Sant’Oronzo a Lecce, rapina nel caveau con ladri che hanno operato di notte;
  • 11 dicembre 2018 rapina in Banca Popolare di Puglia e Basilicata in viale Japigia a Lecce;
  • 11 gennaio 2019 a Collepasso tentata rapina ai danni della Banca Popolare Pugliese con ladri messi in fuga dall’allarme;
  • 8 febbraio 2019 rapina all’agenzia Credem di Lecce in viale Marconi;
  • 8 febbraio 2019 rapina alla Banca Popolare di Bari a Maglie;
  • 13 febbraio 2019 rapina al Credem di Acquarica del Capo.

Il ripetersi degli episodi criminosi la FABI (Federazione Autonoma Bancari Italiani) ha ritenuto di dover intervenire: “È assolutamente evidente”, scrivono in una nota, “che l’evolversi della situazione richieda, per garantire la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini coinvolti, il nostro intervento. Ci siamo quindi immediatamente attivati e tramite il nostro Segretario Generale della provincia di Lecce, Giorgio Lezzi, ed abbiamo inoltrato una lettera con richiesta di convocazione urgente presso la Prefettura di Lecce al fine di cercare soluzioni condivise per far rientrare la situazione di particolare criticità che sta interessando il nostro territorio, nell’alveo della normalità”.

In particolare la FABI ha scritto una al Prefetto chiedendo un intervento immediato: “Siamo fortemente preoccupati per l’acuirsi negli ultimi periodi dei fenomeni di rapina ai danni degli istituti Bancari presenti sul nostro territorio. Tali episodi mettono seriamente a rischio l’incolumità dei dipendenti e dei clienti. Riteniamo non sia possibile restare indifferenti rispetto ad una fenomenologia di tale portata, pertanto chiediamo una riunione urgente del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica al fine di individuare opportune soluzioni rispetto alla problematica sopra evidenziata”.

Collepasso

Due colpi tentati nella notte: ladri in fuga

Assalti a stazione di servizio sulla sp 334 e ad azienda sulla Casarano-Maglie

Pubblicato

il

Doppio colpo sfumato nella notte.

Il primo, un assalto ad un distributore Esso sulla sp 334 tra Collepasso e Parabita. Qui i malviventi sono stati messi in fuga dalla vigilanza privata.

Poco dopo, tra Casarano e Maglie, il tentato colpo presso la ditta di distribuzione di caldaie Ferroli. La banda in azione qui ha divelto la grata di una finestra e forzato l’infisso. Mentre rovistavano nei mobili del locale, alla ricerca di denaro contante, sono stati raggiunti e messi in fuga anche in questo caso dalle guardie giurate.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Camera del lavoro a Collepasso

Domenica 21 luglio sarà inaugurata la nuova sede della Camera del Lavoro comunale. In piazza Dante giornata di spettacoli, dibattiti, sindacato di strada

Pubblicato

il

Una nuova sede della Camera del Lavoro a Collepasso. La Cgil provinciale e lo Spi inaugureranno i locali di piazza Malta domenica alle 18.30. Sarà solo l’inizio di una domenica ricca di eventi, spettacoli e dibattiti, inseriti nella tappa salentina del tour “Carosello dello Spi”, organizzato dal Sindacato Pensionati Italiani pugliese.

Il programma

Si parte col taglio del nastro della Camera del Lavoro comunale, alla presenza del segretario confederale provinciale Salvatore Labriola. Dopo il saluto del sindaco Paolo Menozzi, è in programma anche la presentazione del libro “Quell’autunno di cinquant’anni fa” di Gaetano Paglialonga. Insieme con l’autore e con Labriola, interverranno: Giuseppe Lagna, Alfredo Gianfreda, Giuseppe Marzano, Giorgio Mastria Gianfreda, Salvatore Marra e Rocco Pomarico.

Alle 20.30, in piazza Dante, è in programma la tavola rotonda sulla cucina salentina tradizionale, per un’alimentazione etica e sana, nell’ambito della campagna regionale lanciata dallo Spi, “Mi cibo da mani libere”. Interverranno: Fernanda Cosi, segretaria generale dello Spi Cgil Lecce, e il biologo nutrizionista Antonio Landi. Sono previste anche testimonianze locali ed il monologo comico di Daniela Baldassarra, dal titolo “”Il cibo e/è la nostra vita”. A seguire, serata in musica con “Calanda Gruppo pizzica e stornelli”.

Il Carosello dello Spi è inserito all’interno del cartellone “Estate collepassese” ed è organizzato dallo Spi Cgil Lecce con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Collepasso, Cgil Lecce e Borghi Autentici.

Nuova Camera del Lavoro e legalità

“L’apertura o il rinnovo delle Camere del Lavoro è una strategia a cui la Cgil tiene particolarmente. Ogni Camera del Lavoro è infatti un presidio di legalità e di diritti dei lavoratori, ma anche punto di aggregazione e di offerta di servizi Il cibo è un tema di grande rilevanza tra gli anziani e i pensionati”, spiega Fernanda Cosi. “L’iniziativa di Collepasso cerca di coniugare l’aspetto della riflessione, sulla storia del sindacato e sul consumo etico, con momenti di svago e divertimento. L’alimentazione in particolare è un tema strettamente collegato a quello della salute, ma anche alla sicurezza. Promuovere la cultura del cibo sano ed etico per noi dello Spi e della Cgil è fondamentale, perché significa sostenere il consumo consapevole, affinché il cibo che giunge sulle nostre tavole sia prodotto da una filiera interamente legale, senza alcun tipo di sfruttamento della manodopera”.

Continua a Leggere

Collepasso

Uccide il padre dandogli fuoco

Orrore da Collepasso. Reo confesso: un agente immobiliare di 48 anni, al culmine di un litigio, hacosparso di alcol l’anziano genitore ed appiccato le fiamme

Pubblicato

il

Al culmine di un litigio il figlio lo ha cosparso di alcol e dato alle fiamme.

Questa la raccapricciante ricostruzione degli inquirenti di quanto avvenuto ieri sera a Collepasso.

Vittorio Leo, 48 anni titolare di un’agenzia immobiliare è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di aver ucciso il padre, Antonio Leo, 90 anni.

Messo sotto torchio dagli inquirenti alla fine ha confessato l’omicidio.

I carabinieri sono stati avvertiti proprio dal 48enne agente immobiliare, che abita nella stessa villetta bifamiliare, in un appartamento adiacente a quello della vittima, in via Don Sturzo.

La villetta è a non più di 200 metri dalla locale caserma dei carabinieri, così i militari dell’Arma son potuti intervenire immediatamente.

La premura dei carabinieri però è stata vana perché quando sono entrati nell’abitazione hanno trovato nel bagno il corpo senza vita dell’anziano carbonizzato dalle fiamme.

Avviate le indagini, i primi indizi hanno portato proprio al fermo del figlio dell’anziano ucciso che avrebbe poi confessato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus