Castro, toponomastica in ceramica

 Come è ormai universalmente noto e riconosciuto, la “Perla del Salento” è di per sé uno scrigno di bellezze storiche, naturali e paesaggistiche.

E,  tuttavia, a ulteriormente impreziosire la caratura dei suoi tesori, stamani è stata ufficialmente perfezionata una lodevole iniziativa del club Rotary Maglie –  Galatina  – Terre d’Otranto, che ha predisposto, tramite l’opera di un’affermata ceramista salentina, e donato all’Amministrazione Comunale di Castro, diciotto artistiche e pregevoli targhe toponomastiche, appunto, in ceramica, destinate a contraddistinguere,  al posto delle attuali lastre di travertino, tutte le stradine del centro storico, autentica bomboniera, della cittadina.

Un’apposita, semplice cerimonia pubblica si è svolta all’interno del magnifico Castello Aragonese di piazza Perotti, presenti il Sindaco Avv. Luigi Fersini, il Presidente pro tempore del Rotary Club Maglie – Galatina – Terre d’Otranto Dott. Antonio Coluccia è il parroco don Fabiano Leone.

Rocco Boccadamo

Tags:


Commenti

commenti