Sexbots? “Nessun aiuto sociale!”

I robot sessuali vengono promossi in grande stile a causa dei loro presunti benefici per la salute.

Alcune affermazioni fatte includono la fornitura di una “presa sicura” per i pedofili per i loro desideri sessuali e alcuni affermano i loro benefici in termini di eliminazione della prostituzione. Ora i ricercatori affermano che questo potrebbe essere un’esagerazione e potrebbe non esserci alcun vero vantaggio con questi robot.

Attualmente vengono spesi migliaia di dollari in bambole antropomorfe che hanno diversi orifizi e caratteristiche fisiche modificabili che possono fornire piacere sessuale.

La maggior parte di queste forme femminili ha seni grandi e modificabili, vita piccola e caratteristiche impossibili da raggiungere. Alcuni di questi possono muoversi e parlare e alcuni sono dotati di intelligenza artificiale, impianti di lubrificazione e altre funzionalità.

Susan Bewley, professore di salute delle donne al Kings College di Londra e coautore della nuova ricerca afferma che ci sono diverse indicazioni sulla salute che sono state fatte e nessuna di queste è supportata da alcuna prova. Bewley afferma che questo nuovo studio sollecita semplicemente i ricercatori a non fare affermazioni false, ma a studiarli più a fondo per capire se ci sono reali benefici e studiarli in modo appropriato e appropriato prima di fare tali affermazioni.

Questo è uno dei numerosi studi che i robot sessuali e la loro utilità. Un rapporto dello scorso anno della Foundation for Responsible Robotics ha parlato dei danni che potrebbe comportare, tra cui la menzione dei bordelli di bambole sessuali in Asia e di problemi simili. In questo nuovo studio pubblicato sull’ultimo numero del BMJ Sexual and Reproductive Health , Bewly e il suo collega Dr Chantal Cox-George hanno esaminato studi e riviste per vedere se ci fossero prove conclusive che dimostrassero i benefici per la salute di questi robot sessuali. Sono state fatte delle affermazioni secondo le quali questi potrebbero fornire compagnia a individui soli ed emarginati e anche a curare reati sessuali e pedofili. Nessuna delle affermazioni è stata motivata, anche se dicono gli autori dello studio. Notano che questi potrebbero creare delle divisioni tra i partner e la mancanza di emozioni umane da parte dei robot potrebbe causare ulteriori problemi in futuro. Scrivono: “Mentre un essere umano può sinceramente desiderare un sexbot, la reciprocazione può essere solo artificialmente imitata”.

Bewley ha detto che ci sono aziende che producono bambole infantili per i pedofili. Ha detto che potrebbe normalizzare gli atti di violenza sessuale nei bambini e nelle donne e renderli più vulnerabili. Potrebbe anche fissare standard innaturalmente elevati di aspetto fisico che potrebbero essere dannosi per le donne e le adolescenti che aggiungono. Poiché questi robot consentono il sesso senza consenso, potrebbero anche aumentare la cultura dello stupro. L’articolo conclude: “Esiste una responsabilità sociale nel proteggere il pubblico dai danni, a meno che non emergano scoperte che non mostrano alcun danno”.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello“Sportello dei Diritti”,  “la ripugnante realtà dei bambini-robot per pedofili, già in auge da diversi anni sia in Oriente che negli USA, è ancora sconosciuta in Italia, hanno il potenziale per tirare fuori il peggio di noi. Mentre alcuni affermano che le bambole sessuali infantili e i sexbots sempre più realistici fungeranno da deterrente contro gli abusi sessuali verso i bambini da parte dei pedofili, molti esperti, come in questo studio, ritengono invece che la nascente industria incoraggi la predazione sessuale, portando così ad un aumento e non ad una diminuzione dello sfruttamento sessuale dei bambini“.

Alcune di queste bambole assomigliano a bambini di appena tre anni e possono essere personalizzate per riprodurre espressioni facciali molto realistiche, tra cui la tristezza e la paura.

Ancora più preoccupante è il fatto che i clienti possono personalizzare l’ordine delle loro bambole per farle assomigliare a bambini che conoscono realmente fornendo fotografie al produttore.

Nel caso dei sexbots infantili attualmente in fase di sviluppo, i clienti pedofili avranno anche la possibilità di fornire modelli di registrazioni vocali per dare ulteriormente l’illusione di una vera gratificazione sessuale con un bambino specifico conosciuto dal cliente.

I colossi dei social media, che sono spesso pronti a censurare i messaggi cristiani e conservatori come «offensivi» o «violazioni degli standard comunitari», non sono poi così attenti quando si tratta di censurare sulle loro piattaforme la promozione di questi sexbots e bambole sessuali.

Per il bene dei bambini del nostro Paese“, chiosa D’Agata, “non possiamo assolutamente permettere queste bambole sessuali con sembianze di bambini prendano piede nelle nostre comunità“.

Tags:


Commenti

commenti