Connect with us

Attualità

Salentini due volte fessi?

A Casarano siti abusivi dove si radunano solo frigoriferi, solo plastica, solo bottiglie di vetro o solo neon esauriti… Di chi è la responsabilità?

Pubblicato

il

Pensate un po’ a quanto potrebbe essere da persone intelligenti lanciare in alto un sasso e poi rimanere nella sua traiettoria aspettando che ricada in testa a chi l’ha lanciato. È ovvio ed addirittura palese che questo sarebbe un comportamento da stupidi!

discarica Eppure molti di noi, ogni giorno, attuano degli atteggiamenti che più o meno rispecchiano proprio quanto descritto. Non c’è salotto, tavolino da bar o fila alla posta in cui, chiacchierando, non si sia concordi nel dire che le campagne sono diventate delle discariche abusive diffuse e che il degrado ambientale della città è elevatissimo. E sono delle sacrosante verità. Basta, infatti, fare un giro nel circondario di Casarano per accorgersi di quanto reali siano queste lagnanze e di quanto tutta una serie di articoli di modernariato stiano radicalmente cambiando il nostro panorama rurale: dai frigoriferi ai televisori, dai più classici copertoni alle onde poco romantiche dell’eternit. Ogni civiltà ha la spazzatura che si merita. Ma dopo aver anche noi contribuito ad alimentare le lamentele da bar, analizziamo un po’ la situazione in maniera il più possibile obiettiva. Partiamo dal principio logico che se c’è spazzatura nelle periferie della città, sicuramente c’è qualcuno che quella spazzatura ve la porta; e a giudicare da quanto sudiciume c’è in giro, direi che a portarvela c’è anche più di qualcuno.
Se “analizziamo”, però, i vari siti abusivi, ci accorgiamo anche che c’è una doppia tipologia di caratterizzazione: la discarica confusa e quella differenziata. Può sembrare strano, infatti, ma, oltre alle piazzole che mettono insieme un materasso, un divano, vecchi secchi di vernice e specchi rotti, ci sono anche dei siti abusivi dove si radunano solo frigoriferi, solo plastica, solo bottiglie di vetro o solo neon esauriti. Possiamo definirla una sorta di evoluzione della discarica abusiva in chiave “ecologica”. Perdonate lo scetticismo, ma non crediamo poi molto in queste anomalie. L’azienda incaricata della raccolta dei rifiuti, assicura (in modalità assolutamente gratuita) la raccolta porta a porta dei rifiuti ingombranti, previa una semplice telefonata per fissarne l’appuntamento ed inoltre i tempi d’attesa non sono nemmeno biblici. Detto questo, analizziamo insieme la figura dell’idiota che invece preferisce caricarsi in macchina un vecchio frigorifero, portarlo in periferia e, con il rischio di essere scoperto, gettarlo ai margini di una campagna. Del suo acume inutile parlare ma di campioni di intelligenza così ce ne sono evidentemente tanti e bisogna prenderne atto ma, perdonate sempre il nostro scetticismo, che poi ci si metta anche d’accordo fra idioti per andare tutti insieme a gettare la stessa tipologia di rifiuto in un unico posto… onestamente è una teoria che offende l’intelligenza comune.
Ovviamente non è possibile formulare delle accuse precise e puntuali ma basterebbe elencare le figure di chi potrebbe esserne il beneficiario e quindi: gommisti, imprese ed impiantisti, negozi che ritirano l’usato… tutti personaggi che prendono dai clienti anche i soldi per un corretto smaltimento e poi… smaltiscono a modo loro. Nel richiamo alle responsabilità ovviamente non sono risparmiate le istituzioni.
Casarano, infatti, non è dotato di un eco-centro: quel luogo cioè dove un comune cittadino che magari sta pulendo la propria cantina o abbia intenzione di ripulire la propria campagna, possa recarsi a gettare in maniera consona tutti i propri rifiuti. L’azienda incaricata dello smaltimento avrebbe dovuto impiantarlo all’atto stesso dell’inizio della propria attività ma, ad oggi, è ancora tutto impantanato nelle sabbie mobili della burocrazia.
Ma questi richiami non siano la solita assoluzione generalizzata di chi pensa che sia sempre colpa degli altri… in quei salotti, in quei bar, in quella fila alla posta, fra chi si lamenta, proprio lì ci sono quei proprietari di cani che una paletta ed un sacchetto per ripulirne i bisogni non l’hanno nemmeno acquistata; proprio tra loro ci sono quelli che invece che dare 10 euro al gommista preferiscono gettare le proprie gomme usurate; tra loro, pensate, c’è anche chi deposita all’ingresso del cimitero due sacchi pieni di gusci di cozze con cui poi i cani han fatto festa…
E allora di colpo capiamo che di quegli idioti che lanciano in aria quel sasso ed aspettano che gli caschi in testa… ce ne sono davvero tanti!
Antonio Memmi

Continua a Leggere

Attualità

Da lunedì il caldo torna bollente

Alta pressione, stabilità e temperature in aumento: picchi come a giugno

Pubblicato

il

A partire dalle prossime ore l’anticiclone africano tornerà a rimontare su Mediterraneo ed Europa occidentale, interessando anche l’Italia”. Lo conferma il meteorologo di 3bmeteo Edoardo Ferrara che spiega: “La massima espressione dell’alta pressione sarà nella nuova settimana, quando come una bolla di aria calda tenderà ad inglobare Spagna, Francia, Italia in una prima fase. In una seconda fase, dal 22-23 luglio, l’anticiclone africano si spingerà anche su Europa centrale interessando Olanda, Belgio, Germania, Danimarca, fino a poi puntare il Nord Europa, in particolare parte delle Isole Britanniche e persino la Scandinavia.”

NUOVA ONDATA DI CALORE – In tale circostanza sarà inevitabile per l’Europa centro-occidentale sperimentare una nuova ondata di caldo africano. La parte più intensa della fiammata africana avrà picchi termici vicini ai 38-40°C da martedì e nei giorni successivi” – avverte Ferrara di 3bmeteo.com – “Punte di oltre 35-36°C saranno possibili anche sull’Europa centrale, oltre 32-33°C pure su parte dell’Inghilterra ed occasionalmente sulla Scandinavia meridionale nella seconda parte della nuova settimana.”

CONSEGUENZE SULL’ITALIA – “Come detto l’anticiclone africano interesserà anche l’Italia portando assoluta stabilità e tanto caldo almeno sino a giovedì 25 (salvo qualche temporale su Alpi e Prealpi nel weekend)” – prosegue poi Ferrara – “Le temperature saranno in netto aumento, con caldo significativo.

QUANTO DURERA’? Da giovedì 25 luglio e nei giorni successivi l’anticiclone potrebbe iniziare a perdere gradualmente il proprio smalto quantomeno sull’Italia, proprio a causa di un suo sbilanciamento verso il Nord Europa. Nonostante il tempo comunque in prevalenza soleggiato e caldo, si potrebbe dover mettere in conto qualche nuovo temporale dapprima su adriatiche e Sud, successivamente anche al Nord. Ad ogni modo data la distanza temporale si tratta di una linea di tendenza generale (non di una previsione certa), che necessiterà di conferme e molti aggiornamenti” – concludono da 3bmeteo.com

Continua a Leggere

Attualità

BMW richiama 1,3 mln di vetture

Rischio incendio dovuto a problema all’impianto elettrico: la casa madre ripara gratuitamente

Pubblicato

il

Non finiscono per Bmw i grattacapi iniziati alla fine del 2018.

Infatti altri 1,3 milioni di vetture della casa tedesca sono state richiamate dalla stessa per risolvere un problema al cablaggio della batteria. Il richiamo, che riguarda vetture vendute in tutto il mondo, è relativo ai modelli prodotti dal 2003 al 2011, Serie 5 e 6 Serie E60, E61, E63 ed E64. Il problema che ha interessato queste vetture è stato circoscritto al montaggio difettoso sul coperchio del cavo della batteria. Questa irregolarità riscontrata, potrebbe causare un guasto dell’impianto elettrico e portare quindi ad un corto circuito che potrebbe portare le vetture ad incendiarsi o non permettere di avviare il motore. Nonostante la vetustà dei veicoli interessati (le auto interessate hanno un’età compresa tra i 7,5 e i 16 anni), non ci sono costi per i clienti nel corso del richiamo. La segnalazione è diffusa grazie anche all’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore dello “Sportello dei Diritti”, che svolge servizio di monitoraggio su tutti i richiami tecnici per l’eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti, anticipando in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate vengono tempestivamente informati.

Continua a Leggere

Attualità

Entro il 31 dicembre il concorso per gli inferieri pugliesi

Lo ha annunciato il governatore di Puglia Michele Emiliano: «Concorso unico, con una sola graduatoria regionale, triennale»

Pubblicato

il

Si terrà in Puglia entro il 31 dicembre di quest’anno il concorso unico per infermieri, con una sola graduatoria regionale, triennale.

Lo ha riportato l’Ansa che si rifà ad una dichiarazione del  presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in una nota in cui appare il numero di “mille infermieri” nel titolo, ma il governatore precisa: «Stiamo parlando di numeri importanti che attualmente sono in fase di definizione, anche alla luce della recente approvazione da parte della Giunta Regionale dei piani dei fabbisogni per ciascuna azienda. Una bella notizia per migliaia di infermieri».

«Arriviamo a questo risultato», spiega, «grazie al piano di riordino ospedaliero e alla riduzione della spesa farmaceutica, che hanno consentito di trovare il denaro per le assunzioni. Nessun taglio nella spesa sanitaria, dunque, ma solo eliminazione degli sprechi».

Il concorso sarà affidato all’Asl Bari che ha già una piattaforma, preceduto da una mobilità infraregionale (quando arriverà l’infermiere assunto, il collega potrà andare via). Presto il confronto sindacale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus