Connect with us

Attualità

Maglie-Leuca: “Perplessità sulla Cosimina”

Comitato Pro 275: “Scongiurato lo stop a Montesano, ma il tracciato proposto sembrerebbe più impattante e pericoloso”

Pubblicato

il

Un misto di soddisfazione e perplessità per il Comitato delle Associazioni Pro 275 in merito alla ridefinizione del progetto della S.S. 275 Maglie – Leuca da parte di Anas (CLICCA QUI).

Se da un lato “ci conforta la volontà dichiarata da tutti di assicurare la realizzazione di un tracciato extraurbano da Maglie fino a Santa Maria di Leuca, dunque non fino a Montesano”, come dichiara Francesco De Nuccio, preoccupa che “dall’altro, per venire evidentemente incontro alle richieste di un Comune, ANAS e Regione propongono di traslare il tratto interno al territorio di Tricase ad est di quest’ultimo centro abitato, utilizzando la cosiddetta Cosimina che, da Tiggiano, verrebbe raccordata verso Alessano all’ultimo tronco parallelo alla ferrovia, già progettato (e ridotto a due corsie con l’accordo della “strada-parco” siglato nel 2011)”.

In attesa di acquisire maggiori dettagli, dal Comitato arrivano alcune considerazioni: “sul piano della sostenibilità ambientale: al tracciato prevalentemente a raso progettato a ovest di Tricase si preferisce l’adeguamento di una strada in rilevato, la cosiddetta Cosimina, che, a ridosso di Tiggiano, obbliga ad una deviazione verso Alessano mediante la costruzione di una nuova arteria con un notevole impatto, e una probabile trincea nella collina sovrastante Caprarica. Un brano di paesaggio rurale certamente più pregevole rispetto all’agglomerato di capannoni, parchi fotovoltaici, cave e insediamenti commerciali che caratterizzano il territorio a ovest di Tricase”.

Secondo De Nuccio “l’utilizzo della Cosimina potrebbe aumentere esponenzialmente i pericoli, per il maggiore volume di traffico incanalato lungo una arteria a due corsie insidiata da svincoli e innesti in prossimità di curve e dossi naturali”.

È sostenibile economicamente”, si chiede, “ un investimento su una arteria, la Cosimina, che non garantirebbe fasce di rispetto stradale a norma e sufficienti a consentire in futuro un eventuale allargamento?

Secondo il Comitato “resterebbe irrisolto il problema del traffico interno al centro storico di Lucugnano, rispetto al quale si dovrà prevedere in prospettiva una circonvallazione, con conseguente ulteriore consumo di suolo. Poi De Nuccio ricorda come “l’opzione della Cosimina fu già bocciata dal Ministero dell’Ambiente proprio in ragione del suo maggiore impatto ambientale, urbano e paesaggistico oltre che per la sua minore funzionalità e la sua maggiore pericolosità”.

Temiamo che, se tutte o una parte di tali criticità troveranno conferma nella proposta progettuale che verrà presentata”, concludono dal Comitato Pro 275, “i proprietari dei suoli intaccati dall’adeguamento della Cosimina e sventrati dalla probabile trincea di Tiggiano avranno argomenti sufficienti per innescare una nuova stagione di ricorsi giudiziari”.

 

 

 

Attualità

Tricase, Antonella Piccinni: “Sindaco ipocondriaco!”

Ex vice sindaco all’attacco: “Chiuri è sempre più solo, minaccia di bruciare Roma e tutti i Filistei dimettendosi e facendo prove di forza all’interno della sua ormai ex maggioranza”

Pubblicato

il

Duro attacco al Sindaco Carlo Chiuri da parte della sua ex vice Antonella Piccinni, defenestrata la scorsa estate.

“Il Sindaco pensa che tutto sia stato lasciato nel dimenticatoio, perché con il passare del tempo tutto si dimentica…
Mi spiace deluderlo.
Nel giugno scorso, a seguito della Sua comunicazione di “Revoca della carica di Assessore Comunale” recapitata alla sottoscritta, dopo l’esposizione dei fatti, scrissi pubblicamente che ero delusa perché “aveva preso in giro tutti”.
Non avevo nessuna intenzione di fare alcuna nuova dichiarazione a tal proposito, ma lo squallore degli ultimi avvenimenti in capo a questa “Amministrazione” mi impone un’esternazione.
Certamente ha preso in giro me facendo passare la mia defenestrazione come un normale turn over di TUTTI gli assessori come richiesto dalla maggioranza, dichiarando ufficialmente che entro il mese di settembre avrebbe terminato il rimpasto. Ma ciò non è avvenuto.
E stranamente il tutto avviene nel silenzio assordante della maggioranza, quella stessa maggioranza che aveva aperto la crisi chiedendo l’azzeramento della Giunta e che oggi assiste inerme alla pantomima del Sindaco che dichiara di essersi dimesso per pressioni esterne che non gli avrebbero consentito di amministrare e in Consiglio si rifiuta di spiegare i motivi delle sue dimissioni e del suo rientro, salvo poi arrampicarsi sugli specchi della sua ipocrisia.
La crisi è tutta interna alla maggioranza e scaturisce da due fattori ormai accertati:
l’ipocondria di un sindaco ormai sempre più solo che minaccia di bruciare Roma e tutti i Filistei dimettendosi e facendo prove di forza all’interno della sua ormai ex maggioranza (supponenza, irriverenza e sorrisetti in Consiglio comunale ormai fanno parte del personaggio) e totale mancanza di visione, condivisione e progettualità amministrativa e politica!
Chi è a conoscenza del PUG che con la stampella pentastellata dovrebbe essere approvato a giugno? I consiglieri di maggioranza? Di opposizione? La cittadinanza? Nessuno!!!
Questo è gravissimo, tutto si decide nelle segrete stanze con pochissimi eletti, ci sono Super Assessori e comuni mortali che subiscono decisioni altrui.
Io ho stima di molti ex colleghi, qualcuno, dopo avermi espresso grande solidarietà, ha rimarcato in Consiglio la parola data nel caso in cui il Sindaco non avesse mantenuto la sua nell’azzerare tutta la Giunta, come il Consigliere Peluso, che voterà di volta in volta secondo coscienza non sentendosi piu’ piena parte di quella maggioranza, o la Consigliera Esposito che ha lamentato l’esclusione da ogni coinvolgimento decisionale e si è riservata di decidere di conseguenza.
E gli altri? Il Sindaco ha rispettato le loro richieste di azzerare la Giunta? Perché tutto è tornato alla normalità?
Io spero che la responsabilità che si portano dietro vada oltre il salvare la poltrona a questo Sindaco e si esplichi nel lavorare per la collettività limitando i danni che lo stesso sta facendo all’immagine di un Paese che meritava ben altro, e che nasconde limiti collettivi di una maggioranza che non esiste più e personali di un uomo che non sa gestire una pur buona squadra e ed è persino disposto a sporcare l’immagine di un onorato paese con presunte pressioni esterne che lo avrebbero portato persino alle dimissioni (ricordo che le “pressioni esterne” sono quelle che hanno portato allo scioglimento di vari consigli comunali…)
Antonella Piccinni

Continua a Leggere

Alessano

La Grande Fabbrica delle Parole

24 bibliotechine per la promozione e diffusione della lettura. Progetto, ideato e promosso dai Comuni di Corsano (capofila), Alessano e Presicce-Acquarica, realizzato dall’Associazione Narrazioni

Pubblicato

il

Dalla “Grande fabbrica delle parole” alla creazione di una biblioteca diffusa attraverso l’installazione di 24 Bibliopoint per consultare e prendere in prestito i libri della biblioteca comunale anche in luoghi inconsueti come studi medici e pediatrici, bar e pub, esercizi commerciali.

Sono state già effettuate alcune inaugurazioni, altre avverranno in collaborazione con la Redazione della Rivista Andersen, la più importante rivista nazionale di letteratura per bambini.

Grande l’entusiasmo della sindaca di Alessano Francesca Torsello: «La nostra sfida deve essere quella di appassionare alla lettura i bambini sin dalla prima fase dello sviluppo, perché diventino cittadini sensibili ed aperti ad ogni forma di incontro con l’altro».

Il progetto, ideato e promosso dai Comuni di Corsano (capofila), Alessano e Presicce-Acquarica, realizzato a cura all’Associazione Narrazioni di Alessano, è finanziato dal Centro per il Libro e la Lettura (Cepell) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo (MIBACT) nell’ambito dell’Avviso Pubblico “Città che Legge” 2018 per l’importo di € 19.900 con un cofinanziamento dei Comuni partner  e dell’Associazione Narrazioni. Questo progetto si è classificato primo in Italia nella categoria dei Comuni con popolazione compresa fra 5.001 e 15mila abitanti.

LETTURE A VOCE ALTA

Sotto il profilo editoriale,  sono state coinvolte a titolo preferenziale le case editrici pugliesi, con particolare attenzione alla produzione letteraria per bambini e ragazzi. Ne “La Grande Fabbrica delle Parole” sono previsti cicli mensili di incontri di lettura a voce alta, con il coinvolgimento degli istituti comprensivi organizzati nelle biblioteche comunali.

CANALE YOUTUBE E ALBUM DI FIGURINE

Durante le attività verranno realizzati videoclip, messinscene, recensioni e dialoghi fra bambini che convoglieranno in un canale YouTube tematico, dedicato alla narrazione e al libro per ragazzi dai 3 ai 14 anni.

Gli alunni coinvolti saranno guidati alla scoperta dei meccanismi della narrazione e dei personaggi delle storie. Successivamente saranno invitati a rappresentarle con disegni, collages e altre tecniche figurative. Una selezione di questa produzione verrà riprodotta su un album di figurine, su cui i bambini potranno applicare stickers tratti dai loro stessi disegni e che li porterà a ripercorrere le storie già lette e a poter collocare esattamente lo sticker solo se si conosce approfonditamente la vicenda (romanzo, fiaba, favola, ecc.) a cui si riferisce. Le figurine saranno distribuite gratuitamente nelle biblioteche comunali, ogni volta che sarà preso in prestito un libro.

Continua a Leggere

Attualità

Cisterna di Tricase Porto: iniziati i lavori

Il sindaco Chiuri: “Sarà un nuovo attrattore turistico a beneficio della città e di chi vorrà venire a trovarci”

Pubblicato

il

Sono iniziati lavori di recupero, valorizzazione e fruizione dell’antica cisterna risalente ai primi anni del 1900 a servizio del Porto di Tricase.

Lo ha annunciato il sindaco Carlo Chiuri sulla sua pagina facebook: “Sarà bellissimo accedere all’interno della cisterna dalla piazzetta soprastante per poi giungere sulla banchina del Porto. Un nuovo attrattore turistico“, ha concluso il primo cittadino, “a beneficio della città e di chi vorrà venire a trovarci“.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus