La Banca? Preistoria, 3.000 banche e 300.000 posti di lavoro a rischio

Può una banca fare la fine di un compact disc? A quanto pare, sì. Interessi, clausole, fidi e default che al netto delle strette di mano di Palazzo sono l’essenza del cosiddetto sistema occidentale, hanno iniziato a popolare un pianeta diverso da quello, ormai altamente indigesto, degli istituti di credito.
Le primedonne dell’avanspettacolo horror del mutuo, le care banche, potrebbero essere presto inghiottite dalla loro routine dal mancato lieto fine.
L’idea di un’economia che se ne privi (fino a ieri un agrodolce mélange di romanticismo futuristico e crudo anarchismo) è oggi il cuore pulsante di una piccola galassia in espansione nel mare magnum della nostra finanza: il social lending.
Come ieri la musica – dicevamo – oggi il denaro: il social lending infatti è il peer to peer dei quattrini, l’eMule degli investimenti. È il prestito tra privati che scavalca le banche: oggi, grazie ad un click su internet, non si condividono solo tracce audio, ma si trovano anche semplici persone disposte a prestare fondi ad altrettanto semplici persone che li richiedono.
È la magia dei cosiddetti honest loans, ossia prestiti onesti, che stanno spopolando innanzitutto grazie ai loro tassi ridotti. Senza costi di gestione, commissioni, sportelli e spese varie da sobbarcarsi, questo tipo di P2P è in grado di offrire denaro a interessi bassi. Interessi che son tirati giù anche da una sorta di asta al ribasso tra i creditori. Chi mette a disposizione la sua liquidità, infatti, sceglie il tasso di interesse da chiedere ai debitori. Con l’ovvia conseguenza che più sarà alto, minore sarà la richiesta e, quindi, il ritorno economico.
La leggerezza del social lending sta spiccando il volo in particolar mondo nelle principali piazze finanziarie. Londra conosce a menadito questo tipo di prestiti tra privati, ed ha una fittissima rete di fruitori che si rispecchia perlopiù in quella classe media cui le banche han sbattuto le porte in faccia, troppo prese alla caccia ai grossi capitali e cieche dinanzi alle esigenze delle aziende, della gente, della realtà. Oltremanica sono nati Zopa (1,7 miliardi di euro di prestiti nel 2016), OnDeck, Founding Circle ed altri esempi virtuosi.
Mentre negli Stati Uniti gli investimenti hanno già attratto colossi come Google, che ha puntato 125 milioni di dollari sul californiano Lending Club.
In Italia il settore è occupato da cinque società. In ambito aziendale troviamo Borsadelcredito.it; tra privati, invece, Soisy, Smartika, Younicredit e, la più attiva, Prestiamoci. Il sito web di quest’ultima rende l’idea dell’essenza del social lending: il ritorno alla persona. “Il nuovo prestito è tra persone”, recita infatti il claim. E lo stesso nome scelto, Prestiamoci, punta su una funzione fàtica che è anche un invito schietto, diretto e “faccia a faccia”.
Una serie di elementi che piacciono sempre più a giovani coppie che costruiscono un futuro lontano dalle banche e che attirano sempre più imprenditori che mettono il loro futuro nelle mani di altri loro pari.
Nel peer-to-peer lending non si chiedono fondi alle piattaforme scelte, ma le si usa solo per entrare in contatto con chi ne ha. Il ragionamento è lo stesso dei famosissimi eBay o Blablacar. Vendi qualcosa? La compro senza dover entrare in negozio. Offri un passaggio? Viaggio senza dover scegliere treno o aereo. Hai del denaro da prestare? Ne prendo un po’ senza metter piede in banca. E, in ogni caso, risparmio non dovendo pagare terzi.
Questo perché le piattaforme di social lending non funzionano come un istituto di credito. Il loro introito è dato solo in piccolissima parte da commissioni applicate ai prestiti. Il vero commercio, per i re del tech che vi stanno investendo come Google, Amazon, Alibaba ed Apple, sta nei big data che derivano dalla gestione di una enorme mole di clienti.
Ma in tutto ciò, all’utente, che garanzie offre il peer-to-peer lending? Non bisogna essere degli scienziati per sapere che tra i capisaldi del mondo bancario c’è il valore della sicurezza. Da che mondo è mondo, la banca è quel posto dove il risparmiatore deve sentirsi sicuro di custodire i propri averi, possibilmente con meno grattacapi possibile. Ecco allora che, a prima vista, il social lending potrebbe sembrare una sciocca scommessa, con lo stesso rischio di chi è costretto a mettersi nelle mani degli strozzini per non aver trovato una mano tesa nel convenzionale ambito creditizio.
Non è così. Il P2P del credito si è evoluto esponendo tutti gli attori in gioco a meno pericoli possibile. Nella maggior parte dei casi funziona in questo modo: in primis, un algoritmo calcola (sul sito web della piattaforma) l’affidabilità del cliente sulla base dei suoi dati. In pochi giorni, poi, si ottiene una risposta sulla possibilità di ottenere un prestito e sul tasso di interesse, mentre vengono svolte altre verifiche funzionali alla stipulazione del contratto con firma digitale. Chi investe, mettendo in gioco i propri soldi, ha la garanzia della diversificazione del prestito. I suoi fondi non vanno tutti ad un’unica persona o azienda, ma vengono frazionati tra n debitori, ripartendo così in maniera uniforme il rischio di insolvenza e mitigando in maniera netta lo spauracchio default, che allontanerebbe investitori e farebbe risalire i tassi di interesse. Il resto lo fanno trasparenza e profittabilità immediata, pagata mensilmente e con un guadagno netto sul capitale investito che, in media, viaggia tra il 4 ed il 7%.
Se il tutto viaggia senza intoppi con una sorta di assicurazione da credito democratico, non vuol dire che, in brevissimo tempo, non sarà necessaria maggiore attenzione al fenomeno anche da parte del Governo. Ad oggi legislatore e Banca d’Italia lavorano a pieno regime per tutelare e salvare le banche tradizionali, ignorando i crescenti flussi di denaro che attraversano le piattaforme del social lending.
E non è un caso se gli istituti di credito di questi tempi hanno sempre più bisogno di essere aiutati dalle istituzioni. La scarsa capacità di captare il cambiamento – o forse il rigurgito d’orgoglio che impedisce di accettarlo – sta ritardando nelle banche quella piccola e semplice metamorfosi che le preparerebbe al futuro. Un po’ come i giornali convivono con i reporter “non patentati” che, immancabilmente, testimoniano i fatti in diretta prima di qualunque giornalista, grazie a dispositivi hi-tech e piattaforme 2.0, così le banche dovranno accettare l’idea che i prestiti tra privati non saranno più i pochi spiccioli per tamponare un rosso nel bilancio di famiglia.
E come la stampa sopravvive vendendo competenze, così le banche vedranno il domani elargendo consulenze, facendo da punto di riferimento nella gestione di proprietà e beni di valore, aiutando a progettare e mettere su carta strategie d’investimento.
Perché non c’è futuro per chi chiude gli occhi dinanzi al nuovo. Le statistiche del social lending, negli Usa, snocciolano numeri che non concedono scampo a chi finge di ignorarli: cliccando su Lendingclub.com ci si trova di fronte a ripidissimi grafici di crescita, con una mole di prestiti a stelle a strisce che negli ultimi tre anni è passata da 240mila ad oltre 2 milioni di “honest loans”.
Un impatto travolgente che secondo la PricewatherhouseCoopers, uno tra i più grandi network internazionali di consulenza legale e fiscale, nel 2025 raggiungerà un valore complessivo di prestiti pari a 150 miliardi di euro.
Per non finire nel dimenticatoio, come i compact disc, le banche dovranno specializzarsi ed innovarsi. È l’occasione per dimostrare che Bob Hope, conduttore radiofonico spentosi nel 2003, aveva torto quando diceva che una banca è solo un posto che ti presta dei soldi se puoi dimostrare che non hai bisogno.
Lorenzo Zito

Tags:


Commenti

commenti