Connect with us

Calimera

47 provvedimenti cautelari, sgominata organizzazione mafiosa

L’indagine, nell’ambito della quale risultano indagati complessivamente 59 soggetti, condotta nel periodo febbraio 2013 – giugno 2016 dai Carabinieri di Maglie, denominata “Contatto” per le molteplici infiltrazioni a vari livelli

Pubblicato

il

Dalle prime ore della notte, i militari del Comando Provinciale Carabinieri di Lecce, stanno eseguendo 47 provvedimenti cautelari, emessi dal GIP presso il Tribunale di Lecce su richiesta della locale D.D.A., di cui: 20 in carcere, 17 arresti domiciliari, 7 misure coercitive dell’obbligo di presentazione alla PG e 3 interdizioni temporanee dai pubblici uffici, a carico di altrettanti soggetti accusati a vario titolo di:  “associazione di tipo mafioso”, “estorsione”, “associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti”, “detenzione abusiva di armi”, “ricettazione”, “rapina”, “furto aggravato”, “porto abusivo di armi”, “detenzione e spaccio di stupefacenti”, ”abuso d’ufficio”, “usura”, “favoreggiamento personale”, “falsità ideologica commessa da P.U.”, “corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio”, “rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio”, “truffa”, “minaccia aggravata” e “lesioni personali” con l’aggravante delle modalità mafiose di cui all’art. 7 L. 203/91.

L’indagine, nell’ambito della quale risultano indagati complessivamente 59 soggetti, condotta nel periodo febbraio 2013 – giugno 2016 dai Carabinieri di Maglie, denominata “Contatto” per le molteplici infiltrazioni a vari livelli, ha consentito di disarticolare un’associazione mafiosa facente capo al clan “Coluccia” di Noha-Galatina, operante nel territorio della Provincia di Lecce e, in particolare, nei comuni di Sogliano Cavour, Galatina, Cutrofiano, Corigliano d’Otranto, Castrignano de’ Greci, Melpignano, Soleto, Sternatia, Cursi, Castrì di Lecce, Martano, Otranto, Calimera, Muro Leccese e Cavallino.

Attualità

Fiusis alla Corte degli Stati d’Europa

L’amministratore Marcello Piccinni è stato invitato a Bruxelles dalla Commissione europea per illustrare l’azienda salentina recentemente nominata miglior modello di sviluppo sostenibile

Pubblicato

il

Fiusis, l’azienda di Calimera che utilizza gli scarti della potatura di origine agricola e forestale per produrre energia rinnovabile, sarà presentata ai 27 Stati europei.

L’amministratore di Fiusis Marcello Piccinni, infatti, è stato invitato a Bruxelles, mercoledì 27 novembre, dalla Commissione europea per illustrare Fiusis, recentemente nominato miglior modello di sviluppo sostenibile, ad un evento che vedrà presenti i membri politici dei 27 Stati europei.

L’evento è stato organizzato da ENRD the (European Network Rural Development) ed è mirato ad implementare lo sviluppo sostenibile rurale nella circolar economy sul modello dei casi di successo come quello dell’azienda salentina.

I lavori saranno aperti dal DG AGRI of European Commission (il responsabile delle politiche della Commissione europea in materia di agricoltura, sviluppo rurale e politica agricola comune).

Continua a Leggere

Attualità

Sviluppo Sostenibile, l’Europa parla salentino

La Fiusis, azienda di Calimera eletta “Miglior Modello di Sviluppo Innovativo Sostenibile, Green e Sociale nei territori Europei”

Pubblicato

il

Oggi Bruxelles parla Salentino! Fiusis è stata eletta come Miglior Modello di Sviluppo Innovativo Sostenibile, Green e Sociale nei territori Europei.

L’azienda di Calimera l’ha spuntata sulle altre finaliste partecipanti aggiudicandosi il contest ed ora tutta Europa guarda al suo modello.

«Ci hanno manifestato il loro sostegno tantissimi italiani con in testa  numerosissimi pugliesi ed abbiamo ricevuto consensi anche da molti Stati Europei», aveva dichiarato poco prima del verdetto l’amministratore della Fiusis Marcello Piccinni.

Subito dopo l’ufficializzazione del trionfo della Fiusis conferma quanto detto prima: «Per noi il Premio sono il prestigio e l’orgoglio per aver portato un Modello di Sviluppo Green e  Sostenibile dal Salento al cuore d’Europa».

Fiusis utilizza gli scarti della potatura di origine agricola e forestale per produrre energia rinnovabile.

 

 

Continua a Leggere

Attualità

Fiusis, un voto per prendersi l’Europa

Fino a domani a mezzanotte si potrà votare per il contest europeo. Piccinni: «Per il prestigio e l’orgoglio di aver portato un Modello di Sviluppo Green e Sostenibile dal Salento al cuore d’Europa».

Pubblicato

il

Domani a mezzanotte si chiude la votazione del Contest della Comunità europea sul modello di Sviluppo Green, Sostenibile e Sociale nei Territori.

Incredibile ed inaspettato l’entusiasmo che si è creato intorno alla Fiusis azienda di Calimera elezionata tra le finaliste (clicca qui).

«Ci hanno manifestato il loro sostegno tantissimi italiani con in testa  numerosissimi pugliesi ed abbiamo ricevuto consensi anche da molti Stati Europei», ha dichiarato l’amministratore della Fiusis Marcello Piccinni.

«Siamo nelle primissime posizioni», ha proseguito l’imprenditore, «non si vince un Premio in denaro ma per noi il Premio saranno il prestigio e l’orgoglio per aver portato un Modello di Sviluppo Green e  Sostenibile dal Salento al cuore d’Europa».

Per questo Piccinni chiede di «sostenerci coinvolgendo anche le persone che vi circondano. Il 24 ottobre a Bruxelles conosceremo il risultato di questa meravigliosa cavalcata».

Vota Fiusis su www.bit.do/rubizmo, scorri e clicca su Fiusis dopo scendi a fondo pagina e, dopo aver inserito il nome e la mail, conferma su DONE e attendi la conferma immediata.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus