Connect with us

Copertino

Vino adulterato: arresti e sequestri

Ghost Wine: avevano ideato un sistema di sofisticazione del vino, mediante zuccheraggio o importando vino spagnolo. Il vino veniva poi spacciato per biologico a basso prezzo, Doc o Igt italiano

Pubblicato

il

Una vasta operazione relativa alla fase conclusiva dell’indagine denominata “Ghost Wine”, che prevede l’esecuzione di ordinanze di misure cautelari restrittive e di sequestri preventivi, con l’impiego di oltre 200 militari del Gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Napoli, di unità dell’Arma territoriale e circa 90 appartenenti all’Unità Centrale Investigativa dell’ICQRF. L’operazione, condotta dal NAS di Lecce e dall’ICQRF e coordinata dalla Procura della Repubblica del medesimo capoluogo, ha portato all’arresto di 11 persone, nonché al sequestro di 6 aziende vinicole.

Secondo le accuse era stato messo in atto un sistema di sofisticazione del vino, sia mediante zuccheraggio (pratica vietata) che importando  vino spagnolo. In entrambi i casi, il vino veniva spacciato per biologico a basso prezzo, Doc o Igt italiano, sia sul mercato italiano che su quello estero.

Arrestati e già in carcere: Antonello Calò, 63enne di CopertinoGiuseppe Caragnulo, 58enne di San Donaci (BR); Vincenzo Laera, 38enne di Mesagne; Rocco Antonio Chetta, 65enne di TavianoAntonio Domenico Barletta, 56enne di LecceLuigi Ricco, 55enne di San Ferdinando di Puglia (BT).

Sono invece ai domiciliari: Pietro Calò, 26enne di CopertinoGiovanni Luca Calò, 50enne di CopertinoCristina Calò, 55enne di CopertinoSimone Caragnulo, 23enne di San Donaci (BR); Antonio Ilario De Pirro, 51enne di Nardò.

Sequestrate le seguenti aziende: Agrisalento Srl di CopertinoEnosystem Srl di CopertinoMegale Hellas Srl di San Pietro Vernotico; Ccib Food Industry Srl di Roma. Sono quaranta gli indagati complessivi.

Indagati a piede libero: Tommaso Vantaggiato, 40enne residente a RacaleSusanna Calò, 34enne di CopertinoVincenzo Morrone, 31enne di Sant’Antimo (Napoli); Santo Aimone, 65enne di Sant’Antimo (NA); Giovanni Aimone, 34enne di Sant’Antimo (NA); Vincenzo Bevilacqua, 40enne di Capaccio (Salerno); Rosario Aurigemma, 58enne di Pontecagnano Faiano (Salerno); Giuseppe De Bari, 55enne di Molfetta (Ba); Nicola Suglia, 55enne di Noicattaro (Ba); Giovanni Tornese, 29enne di CopertinoStefano Troncone, 39enne di NovoliDaniela Gravili, 42enne di Cellino San Marco (Br); Antonio Caragnulo, 56enne di San Pancrazio SalentinoSalvatore Mazzotta, 54enne di TrepuzziRenato D’Auria, 53enne di Ortona (Chieti); Cosimo Campanella, 36enne di Martina Franca (Ta); Dario Bardi, 31enne di Cellino San Marco (Br); Oronzo Pezzuto, 36enne di SurboAntonio De Iaco, 63enne di Felline; Michele Brattoli, 68enne di Trinitapoli (Fg); Bruno Lucio Damiani, 62enne di Trinitapoli (Fg); Fabio De Pirro, 55enne di Collemeto di GalatinaFrancesco Libertini, 55enne di Lizzanello; Roberta Elisabetta Trande, 50enne nata a Maglie e residente a LecceSimone Nestola, 34enne di CopertinoGiacomina Tavani, 41enne di Altamura (Ba); Marta Abbracciavento, 38enne di CopertinoFrancesco Ciotola, 62enne nato a Napoli e residente a CutrofianoAntonio D’Oro, 49enne di Bonito (Avellino); Giuseppe Dell’Aversana, 40enne di Orta di Acella (Caserta).

Appuntamenti

Salento in Strada

La sera del 13 settembre il centro di Copertino si animerà per dare un riconoscimento a tutte quelle attività produttive che permettono ogni giorno la crescita e lo sviluppo del territorio

Pubblicato

il

Prima edizione dell’evento “Salento in Strada”, una manifestazione dedicata a tutte le attività commerciali e artigianali del territorio, promosso dall’assessorato alle attività produttive del Comune di Copertino con l’associazione Pro Loco “Fernando Verdesca” di Copertino e dal suo presidente, Luca Nolasco, e patrocinato da GAL Terra D’Arneo, in collaborazione con Agenzia di formazione Ulisse e Associazione italiana Sommelier.

«Salento in Strada», afferma Mario Camisa, assessore alle attività produttive, « è stato creato, in sinergia  con Pro Loco, lo staff e  tutte le realtà copertinesi e limitrofe, per rispondere alla necessità di creare rete tra le attività commerciali del territorio, promuovendo le eccellenze autoctone, non solo del settore enogastronomico, ma includendo nel filo rosso del cosiddetto “km 0” tutte quelle attività che permettono uno sviluppo equo solidale ed eco sostenibile dello stesso. Tutto questo grazie anche a GAL Terra D’Arneo per il suo valore propulsivo all’interno del progetto».

La manifestazione “Salento in Strada”, che avrà luogo, venerdì 13 settembre,  dalle 20,30, prevederà, nel centro della città di Copertino, le presenza di due food truck del brand “Cime di Rapa”, una serie di spazi espositivi dedicati alla vendita di tutti gli esercizi commerciali, le imprese del food and beverage locali, delle botteghe artigiane aderenti all’iniziativa.

Inoltre  le aziende vitivinicole locali proporranno, in vari punti, durante la manifestazione, i propri vini con l’aiuto dei sommelier dell’Associazione Italiana Sommelier. Non solo: l’evento sarà arricchito dalle performances artistiche di Andrea Doremi e la sua coinvolgente orchestra funk “Ombrass”, che allieterà la serata con un concerto itinerante; presso la sede della Pro Loco in via Margherita di Savoia, avremo l’onore di ospitare la mostra del pittore Antonio Caracuta, con una esibizione live nel corso della quale, ispirato da ritmi e melodie, creerà, davanti alla platea, un’opera inedita.

Inoltre saranno presenti i “Ritmo Binario“, con un travolgente spettacolo di pizzica in piazza del Popolo e lo show cooking organizzato dalla scuola di cucina e agenzia di formazione “Ulisse” eccellenza del food pugliese, con lo chef Mirko Monteduro, ancora in piazza Umberto I. Non mancheranno gli artisti di strada di Lab Communications, spettacoli musicali, dj set e molto altro.

Per una sera, il centro di Copertino si animerà per dare un riconoscimento a tutte quelle attività produttive che permettono ogni giorno la crescita e lo sviluppo del territorio.

Continua a Leggere

Castro

Acquazzoni sul Salento, uomo in auto sommerso dall’acqua

Allarme maltempo sulle strade della provincia. Tanti incidenti per asfalto bagnato ed in alcuni casi strade allagate

Pubblicato

il

Primo lunedì di settembre bagnato ma non fortunato.

Non solo asfalto umido, come in mattinata nel caso di molti sinistri per poca aderenza (uno su tutti quello tra Supersano e Scorrano, mentre a Marittima, sulla pavimentazione bagnata in centro, due auto sono entrate in collisione, come da foto a margine). Molti anche i casi di allagamento. Il più grave, sin qui, si registra a Copertino dove un uomo è rimasto sommerso, all’interno della propria vettura, in una strada trasformatasi in pochi minuti in un fiume.

Fortunatamente il malcapitato è stato estratto dalla sua Renault senza ulteriori conseguenze.

Numerosi i punti in cui invece si sono registrati danni a causa del forte vento. Nel neretino, ad esempio, molti alberi sono stati abbattuti dalle raffiche, invadendo anche la carreggiata di alcune strade.

Copiose le piogge, seppur passeggere per alcune località. Il punto più colpito è a Galatina (foto a margine). Nei pressi dell’ospedale son ben 56 i millimetri d’acqua caduti.

Ad Aradeo invece resta traccia della tempesta in dei pali pericolanti rimasti pendenti lungo la strada.

L’auto sommersa dall’acqua a Copertino

Tamponamento a Marittima

Rimozione degli alberi abbattuti dal vento a Nardò

La situazione a Galatina nella foto di MeteoPuglia in foto

I pali pericolanti ad Aradeo

I consigli della Protezione Civile

Continua a Leggere

Copertino

Salentini in pellegrinaggio: 38 intossicati

Anche un bambino tra i soccorsi da 118 dopo cena ad Osimo, nel marchigiano

Pubblicato

il

Un pellegrinaggio da dimenticare si è trasformato da una biciclettata ad un via vai di ambulanze.

Siamo ad Osimo, comune marchigiano gemellato con Copertino. Un folto gruppo di salentini vi si è appena recato per la 13esima annualità del gemellaggio, nel nome della passione per il ciclismo.

Dopo aver raggiunto in gruppo la parrocchia di San Giuseppe Dasa, i presenti si sono riuniti per cena.

La brutta sorpresa arriva però nottetempo. Quasi tutti i commensali, di cui ben 38 salentini ed un bambino di 8 anni, sono colpiti da forti dolori. Inizia un via vai notturno di ambulanze dall’ospedale all’hotel che ospita i malcapitati. Tra le 2 e le 3 di notte vengono registrate 38 intossicazioni alimentari.

L’indomani vede al lavoro i carabinieri che, per ricostruire la vicenda, hanno sentito anche il parroco della parrocchia della Misericordia. Il sarcedote ha però precisato di aver messo a disposizione un salone della parrocchia per la cena, senza cucinare o fornire alimenti. La cena sarebbe infatti stata preparata dagli stessi commensali, dopo aver acquistato il cibo esternamente.

Da capire quindi se siano stati acquistati alimenti mal conservati o avariati o se, invece, vi siano stati problemi nel cucinarli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus