Connect with us

Aradeo

Erosione del territorio: dati da brivido in provincia

Consumo record della risorsa, a livello di Milano e Roma

Pubblicato

il

I dati dell’ultimo rapporto 2015 dell’Ispra puntano il dito contro Aradeo, Castro, Taviano e Racale: TrNews riporta le percentuali dell’Istituto Superiore per la Protezione Ambientale che indicano questi 4 come i Comuni della provincia di Lecce con maggior consumo di suolo.

In cima alla lista c’è Aradeo, che ha eroso il 24,6 per cento del suo territorio e registra una delle densità abitative più elevate a livello nazionale.Il suo strumento urbanistico è tristemente datato 1979: è ancora in vigore un vecchio Pdf, piano di fabbricazione.

Stesse date, anno più, anno meno, che si leggono nei documenti dei piani di fabbricazione di Castro e Racale che, rispettivamente, fanno segnare una erosione del 23,3 e del 23,1% del suolo.

Taviano, che invece ha aggiornato il suo piano regolatore nel 2001, tocca comunque quota 23,2%.

A questi fanno seguito Comuni come Melpignano, Sogliano Cavour, Maglie e numerosi centri del Capo di Leuca che, oltre a vecchi piani di fabbricazione, soffrono la presenza di vecchie cave.

Il dato finale che emerge dalla provincia di Lecce è sconfortate. Paragonabile a quello di città come Roma e Milano.

Appuntamenti

Open Day della Protezione Civile ad Aradeo

In occasione della Settimana della Protezione Civile promossa dal Dipartimento Protezione Civile

Pubblicato

il

È stata ufficialmente istituita la Settimana nazionale della Protezione Civile, che si svolgerà ogni anno in corrispondenza del 13 ottobre, data in cui si celebra la Giornata internazionale per la riduzione dei disastri, designata dall’Onu.

Lo ha stabilito una direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° aprile scorso, pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

L’iniziativa è volta in particolare alla diffusione sul territorio nazionale della conoscenza e della cultura di protezione civile, allo scopo di promuovere tra i cittadini l’adozione di comportamenti consapevoli e di misure di autoprotezione, nonché a favorire l’informazione alle popolazioni sugli scenari di rischio, le buone pratiche da adottare e la conoscenza sulla moderna pianificazione di protezione civile, soprattutto alla luce delle novità introdotte con il decreto legislativo n. 1/2018.

Per tale iniziativa, sabato 19, dalle 10,30 alle 20, la sede della Protezione Civile di Aradeo, in via Scalfo 47, aprirà le porte dell’ associazione a tutti i cittadini, curiosi e studenti.

Sarà l’occasione per mostrare ai partecipanti le modalità di impiego, le criticità e le attrezzature in dotazione per affrontare le esigenze territoriali.

Continua a Leggere

Aradeo

Cede cric, ferito meccanico

Stava cambiando pneumatico a tir: trasportato d’urgenza in ospedale

Pubblicato

il

Incidente sul lavoro in mattinata ad Aradeo dove un meccanico è rimasto ferito mentre cambiava uno pneumatico.

L’uomo era sotto ad un tir quando improvvisamente il cric ha ceduto ed il mezzo lo ha colpito.

L’episodio è accaduto nel parcheggio del supermercato che si colloca dinanzi al municipio di Aradeo.

Soccorso dal 118, il malcapitato, un ragazzo di 24 anni, è stato trasportato d’urgenza al “Fazzi” di Lecce. Intanto il posto è stato raggiunto anche dagli ispettori Spesal che hanno appurato che sul siano rispettate tutte le norme di sicurezza presso il luogo di lavoro del meccanico stesso.

Continua a Leggere

Aradeo

Controlli anticaporalato: un deferimento

Nei guai donna di Aradeo: la sua società agricola ha 9 lavoratori ma non rispetta le regole

Pubblicato

il

Task force “anticaporalato” dei carabinieri e del personale N.I.L. e NAS di Lecce a segno in quel di Aradeo.
Una donna di Galatina, 50enne, è stata deferità in stato di libertà nella giornata di ieri.
Il reato contestatole dai militari è in materia di sfruttamento del lavoro.
In particolare la società agricola di Aradel,  di cui la donna è amministratore unico, si avvaleva del lavoro di 9 cittadini extracomunitari senza consegnar loro i dovuti dispositivi di protezione individuale indicati nel documento di valutazione dei rischi; senza installare sui luoghi di lavoro prescritti bagni chimici e senza registrare sul libro unico del lavoro le effettive giornate lavorative prestate.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus