Connect with us

Alliste

Furti, ricettazione e droga: fioccano denunce nell’hinterland casaranese

Carabinieri in azione ad Alliste, Casarano, Matino, Melissano, Racale, Torre Suda, Taviano ed Ugento. E c’è anche chi prometteva un provino in una squadra di calcio…

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Casarano hanno effettuato in tutti i Comuni di propria competenza una serie di controlli mirati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, al contrasto al consumo di sostanze stupefacenti, al controllo delle persone sottoposte a misure alternative alla detenzione in carcere, alla circolazione stradale.

A Matino denunciato per ricettazione A.B., 27 anni, sorpreso alla guida di un ciclomotore con numero di telaio abraso. Per lo stesso reato a Taviano è stato denunciato S.G., 42 anni: a seguito di perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di un televisore Lcd 55 pollici e un condizionatore completo, rubati qualche giorno prima dall’interno di un’abitazione sempre di Taviano.

Di furto in abitazione dovranno rispondere anche I.P., 27 anni, e F.C., 37anni, anche loro di Taviano: sono stati denunciati al termine di indagini dalla Stazione Carabinieri di Melissano perché  autori di 2 furti in abitazione. A seguito di perquisizione domiciliare sono stati trovati in possesso di parte della refurtiva. Ancora a Taviano denunciata una 49enne rumena che con destrezza, all’interno di una tabaccheria, aveva sottratto il telefono cellulare ad un uomo del posto.

Nella marina di Torre Suda (Racale) denunciato A.M., 32 anni, anche lui di Taviano, sorpreso a rubare gasolio dall’interno di un serbatoio di un escavatore utilizzato per i lavori di rifacimento della locale rete fognaria.

A Casarano, al termine di accertamenti denunciati L.V., 28 anni, e M.S., 26 anni: avevano fornito false dichiarazioni in relazione ad un sinistro stradale in cui erano rimasti coinvolti.

Ancora a Casarano, denunciato per truffa A.I., 43 anni: con artefici e raggiri consistenti si era guadagnata la fiducia del titolare di una tabaccheria promettendogli per un giovane parente un provino presso un club di calcio professionistico e si era fatto consegnare 3 blocchetti di “gratta e vinci” del valore complessivo di euro 900, facendo poi perdere le proprie tracce senza sanare il debito.

Per violazioni agli obblighi imposti dall’A.G. denunciate due persone a Melissano: il primo si era presentato in Caserma per ottemperare all’obbligo di firma in orari diversi da quelli prefissati; il secondo è stato trovato all’interno di un esercizio pubblico nonostante fosse vietato delle prescrizioni della misura di sicurezza a cui era sottoposto.

Per violazione colposa dei doveri inerenti la custodia di cose sottoposte a sequestro, denunciate tre persone sempre di Melissano ed una di Matino: i quattro si erano disfatti di veicoli cui erano stati dichiarati custodi. Per lo stesso reato dovrà rispondere a Melissano F.M., 22 anni: in qualità di custode giudiziario di un’area sottoposta a sequestro penale utilizzata come discarica abusiva, si era disfatto di alcuni fusti contenenti del grano e altro materiale ferroso.

Mediante l’utilizzo dell’etilometro rilevata, inoltre, la guida in stato di ebbrezza di due persone. Altre sette sono, invece, state denunciate per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. In particolare cinque di loro (di cui due coinvolte in sinistri stradali) a seguito di accertamenti sanitari sono risultati positivi a cannabinoidi e cocaina. Alte due persone sono state denunciate poiché si sono rifiutate di sottoporsi agli accertamenti per verificare l’alterazione psicofisica da assunzione di sostanze stupefacenti.

Per spaccio denunciato A.B.R., 21enne di Alliste: a seguito di perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 4 grammi di eroina e 15 grammi di cocaina, nonché 2 bilancini di precisione e materiale plastico per il confezionamento delle dosi. Sempre in materia di servizi antidroga segnalati alla Prefettura di Lecce per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti: una persona di Casarano, trovata in possesso di 4 gr. di marijuana, e due di Taviano trovati in possesso di 2 gr. di hashish, una persona di Melissano, in possesso di una dose di 1 gr. di cocaina e una di Ugento nella cui disponibilità vi erano 5 gr. di eroina.

Alliste

Le vende l’auto e pretende altri soldi: arrestato

Minacciandola di riprendersi l’autovettura ha ottenuto un incontro, per ritirare altro denaro contante. Ad aspettarlo ha trovato i carabinieri

Pubblicato

il

Le ha venduto un auto, ha intascato i soldi ma poi ne ha pretesi altri. E poi ancora. Così la donna si è rivolta ai carabinieri che hanno arrestato per estorsione continuata Francesco Cazzato, 35 anni di Alliste.

L’uomo a seguito di compravendita di una autovettura, dopo aver concordato il prezzo veicolo e dopo aver incassato tale somma, aveva ottenuto dalla vittima un’ulteriore somma di denaro.

Successivamente minacciandola di riprendersi l’autovettura ha ottenuto un incontro, per ritirare altro denaro contante, presso l’abitazione della donna che ha sporto denuncia.

All’incontro però ha trovato ad aspettarlo i carabinieri che sono intervenuti bloccando il 35enne e recuperando il denaro poi restituito alla donna. Cazzato è ora ai domiciliari presso la propria abitazione.

Continua a Leggere

Alliste

Pizzicato mentre spacciava

Nei guai Gianluca Rizzo, 30 anni di Alliste. I carabinieri lo hanno fermato mentre cedeva dosi di eroina e cocaina

Pubblicato

il

I carabinieri hanno arrestato in flagranza per detenzione illecita di sostanze stupefacenti Gianluca Rizzo, 30 anni di Alliste.

L’uomo è stato pizzicato mentre cedeva una dosi di cocaina ed una di eroina ad un acquirente.

Partita la perquisizione i carabinieri gli hanno rinvenuto dieci involucri contenenti 10,35 grammi di eroina, altri 10 involucri con 2,76 grammi di cocaina ed un bilancino di precisione.

L’arrestato è ora ai domiciliari presso la propria abitazione.

Continua a Leggere

Alliste

Maltrattava la madre convivente: arrestato

Pubblicato

il

Arrestato ad Alliste uomo accusato di maltrattamenti nei confronti della madre.

I militari della stazione di Racale, in seguito a denuncia/querela presentata da una donna ed alla conseguente indagine, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione di misura cautelare personale emessa dal gip del Tribunale di Lecce.

L’uomo in questione, sovente in stato di alterazione psicofisica dovuta all’abuso di sostanze stupefacenti, con condotte reiterate, violente e sopraffattorie, da almeno 4 mesi maltrattava in maniera periodica e continuativa la madre convivente, minacciandola di morte, costringendola quotidianamente a versargli somme di denaro ed a vivere in un clima di forte turbamento emotivo e costante sopraffazione. Espletate le formalità di rito, larreststo è stato tradotto presso la casa circondariale di Lecce, così come disposto dall’autorità giudiziaria.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus