Tricase, sterpaglie: “Hanno multato me, però…”

Quando mi sono visto recapitare la seconda multa in pochi mesi non ci ho visto più. La prima cosa che mi sono chiesto è stata: scusate, la regola vale solo per il sottoscritto? Ho chiesto lumi al sindaco Carlo Chiuri ed ai vigili di Tricase, ma invano. Mi spiego meglio. Posseggo (la mia società) un terreno edificatorio vicino gli ambulatori ASL di Tricase, precisamente in via Mantegazza e via Sergi che, conscio delle regole vigenti, tengo costantemente pulito ed in ordine.
Nonostante ciò, a fine giugno di quest’anno, mi sono visto infliggere per la seconda volta una multa ingiusta ed immotivata. Il Verbale di accertamento, elevato dalla Polizia Locale di Tricase, così recitava: “MADI Immobiliari (…) nella qualità di proprietario di fondi ubicati in predetta via (…) non provvedeva ad effettuare una corretta manutenzione degli stessi, i quali si presentavano invasi da sterpaglie e vegetazione spontanea, di altezza idonea a causare incendi ed il proliferare di animali sgraditi o portatori di malattie, in violazione all’art. 17 (…). Per la suddetta inadempienza è prevista la sanzione amministrativa da € 80 ad € 500 (art. 38, c.2). Si diffida il proprietario a provvedere alla corretta e periodica manutenzione dei fondi predetti, entro 10 giorni dalla notifica della presente. È ammesso il pagamento di € 160, oltre spese di notifica entro 60 giorni”.
Naturalmente impugnerò la multa, allegando la minuziosa documentazione fotografica riproducente il mio terreno in quel giorno, di cui mi son pure preso la briga di misurare l’altezza della vegetazione che non superava i 30 cm. Aggiungo che il mio appezzamento è ben recintato e quindi non permette l’intrusione di chicchessia. Il motivo di questo mio intervento su “il Gallo”, però, non è tanto lo sfogo ma una semplice domanda: perché i vigili non multano, con altrettanto zelo, il sindaco di Tricase per lo stato indecoroso in cui versano i tanti terreni comunali, sparsi per Tricase, quelli sì, “rigogliosi di rovi e sterpaglie a rischio di incendio infestati di animali sgraditi e portatori di malattie”, per non parlare dell’ACAIT, delle strade, specie in periferia, e delle piazze del paese?
Vittorio Ciardo

Tags:


Commenti

commenti