Connect with us

Cronaca

Hanno il Covid, ma organizzano una festa in casa loro: nei guai 4 coinquilini

Pubblicato

il


Nonostante avessero il Covid, hanno dato una festa presso il loro appartamento, dove avrebbero dovuto essere in isolamento.
È quanto accaduto qualche giorno fa a Lecce, nel quartiere Rudiae.





Quando la polizia è giunta sul posto, dopo le 4 del mattino ed in seguito ad una richiesta d’intervento a causa di musica ad alto volume e schiamazzi, ha notato in lontananza un gruppo di 6 persone allontanarsi in fretta dalla zona. Tutti presumibilmente appena usciti dalla casa dove si teneva la festa.





Nell’appartamento, nel frattempo, era calato il silenzio. I poliziotti hanno identificato 4 persone, due ragazze e due ragazzi, di età compresa tra i 25 ed i 40 anni, conviventi nello stesso immobile.




È subito emerso che i 4 coinquilini avevano appena tenuto una festa, accogliendo altre persone presso il proprio appartamento, nonostante fossero tutti positivi al Covid.





Il Dipartimento di Prevenzione e Igiene della ASL di Lecce aveva loro imposto l’isolamento fiduciario con provvedimenti datati 13, 16 e 20 settembre 2021.





In casa abita anche una quinta persona, che però era assente al momento dei fatti. Sottoposto a quarantena fiduciaria, non era positivo al Covid, pertanto non risponderà della sua condotta.
Lo faranno invece i suoi 4 coinquilini, tutti denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato previsto dal Testo Unico delle Leggi Sanitarie che punisce “chiunque non osserva un ordine legalmente dato per impedire l’invasione o la diffusione di una malattia infettiva dell’uomo”. La pena prevista è l’arresto da 3 a 18 mesi e l’ammenda da 500 a 5mila euro.


Alessano

Investita da una fiammata a Novaglie: bimba ricoverata d’urgenza

L’incidente è avvenuto nella serata di ieri e sarebbe collegato all’utilizzo di un barbecue in giardino

Pubblicato

il

Panico nella serata di ieri a Novaglie, marina di Alessano, dove una bimba è stata investita accidentalmente da una fiammata riportando gravi ustioni sul corpo.

La piccola, 5 anni, secondo la prima ricostruzione, si trovava nel giardino della casa di mare della sua famiglia in compagnia della madre e del compagno di quest’ultima.

Per cause ancora da chiarire, è stata raggiunta da una improvvisa fiammata, partita da un barbecue.

La chiamata al 118 ha fatto accorrere sul posto un’ambulanza che l’ha condotta presso l’ospedale di Tricase.

Le condizioni critiche della piccola hanno spinto i medici del “Cardinale Panico” a disporne il trasferimento presso il Policlinico di Bari.

Le ustioni riportate sono di primo, secondo e terzo grado ed interessano il 50% del corpo.

Continua a Leggere

Andrano

Maxi incendio tra Depressa ed Andrano

Diverse campagne in fiamme nel pomeriggio, nube di fumo visibile da chilometri di distanza

Pubblicato

il

Un ampio incendio ha colpito alcune campagne nella zona tra Depressa ed Andrano questo pomeriggio.

Divampate attorno alle 15, le fiamme hanno avvolto in pochi minuti alcuni terreni a poche centinaia di metri dal centro abitato della frazione tricasina, carbonizzando vegetazione e sterpaglie.

Sotto al sole cocente, si è levata una nube di fumo visibile in lontananza da alcuni chilometri.

Operazioni di spegnimento in corso. Seguono immagini Facebook di Giovanni Sticchi.

Continua a Leggere

Cronaca

A spasso per il paese svestite: il video virale in Salento

Pubblicato

il

“È arrivata l’estate”. Questo il commento ironico dell’autore del video che in queste ore è diventato virale in Salento.

Un video girato nel centro di Gallipoli in cui, di spalle, si vedono due donne aggirarsi per la città senza vestiti.

Il perché non è noto. Tuttavia, dall’incedere delle due protagoniste non si direbbe essere un imprevisto.

Non è il primo caso di assenza di decoro che si verifica in Salento. Molti, negli anni passati, hanno visto protagonisti turisti giunti a Gallipoli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus