Connect with us

Gallipoli

Calcio, serie B: seconda chiamata per Lecce e Gallipoli

Sabato 29 agosto, alle ore 19, si disputa il secondo turno del torneo cadetto. Impegni importanti per le salentine: il Gallipoli trasloca al Via del Mare per ricevere il Cesena, diretta rivale nella corsa alla salvezza. Trasferta ostica, invece, per il Lecce di De Canio, che sarà di scena al “Garilli” di Piacenza

Pubblicato

il

Qui Lecce. Se non è la partita della verità poco ci manca. Prima trasferta stagionale per Rosati e compagni, che sul terreno del Piacenza misureranno le loro reali ambizioni di promozione, cercando il bis dopo la netta vittoria all’esordio contro l’Ancona. Una vittoria, oltre a consentire di tenere il passo delle più quotate, darebbe convinzione e morale, risvegliando anche una piazza alquanto scettica sul progetto societario, al cospetto della compagine lombarda, battuta, ma con onore, una settimana fa sul campo dell’Empoli per 2 a 0. I biancorossi di Castori, che vantano anche buone individualità come Patrascu e Naiggolan, punteranno sul 4-3-3 e l’annesso tridente pesante con Moscardelli, Graffiedi e l’ex di turno Tulli.

I salentini dovranno fare massima attenzione in difesa (Terranova si contende con Schiavi il posto al centro assieme a Fabiano), farsi valere a centrocampo con i muscoli di Giacomazzi ed Edinho, poi alla fase offensiva ci penserà, molto probabilmente, il nuovo arrivato Marilungo, subito chiamato a rimpiazzare Baclet (sei gol in tre partite giocate fin qui), in dubbio fino all’ultimo a causa dell’influenza. De Canio solo in mattinata deciderà se rischiare, o meno, il francese prelevato dall’Arezzo. Il 20enne giunto dalla Samp, in caso d’impiego, completerà l’undici iniziale supportato alle spalle da Vives e sugli esterni da Angelo a destra e Defendi a sinistra. Out Diarra e Giuliatto (fiducia ancora a Mazzotta), sarà l’ultima di Tiziano Polenghi, ceduto al Sassuolo per quasi 180 mila euro. La probabile formazione (4-4-1-1): Rosati, Polenghi, Fabiano, Schiavi (Terranova), Mazzotta, Angelo, Edinho, Giacomazzi, Defendi, Vives, Baclet (Marilungo). Arbitra il signor Romeo di Verona

Qui Gallipoli. “Abbiamo esordito bene, composto quasi totalmente la rosa e ci immergiamo nel bel mezzo del campionato cadetto”. Il tecnico Giannini è pronto al battesimo casalingo del suo Gallipoli, in occasione della sfida allo stadio Via del Mare contro il Cesena. Proprio in quell’impianto dove il tecnico romano chiuse, dieci anni fa, la carriera di calciatore con la promozione in A del Lecce e proprio contro i romagnoli, che nel giugno scorso furono battuti in Supercoppa, sugellando un’annata irripetibile per il club che fu di Vincenzo Barba. Il Cesena, appunto: una diretta rivale nella corsa alla salvezza, una pari grado sulla strada della permanenza fra i cadetti, dotato d’un gruppo esperto, su tutti il portiere Antonioli e il mediano Piangerelli, ma anche di uomini frizzanti, a partire dall’ex spezzino Do Prado. Sarà partita vera, i giallorossi ionici punteranno a riconfermarsi dopo il prezioso pari strappato ad Ascoli, seppur con una rosa tutt’altro che amalgamata e un ritiro precampionato partito in nettissimo ritardo.

Terminati i “lavori” in terra maceratese, mister Giannini ritrova Ginestra, che rimpiazzerà l’infortunato Maritato tornando a ricomporre con Di Gennaro la tanto temibile coppia promozione. Esordio pure per il neo arrivato Scaglia, preferito a sinistra al posto del giovane Cota, mentre sono in attesa del transfer il serbo Smit e gli uruguagi Sosa e Viana. Il probabile undici di partenza (3-5-2): Koprivec, Pianu, Tagliani, Abbate, Moro, Mancini, Pederzoli, Mounard, Scaglia, Ginestra, Di Gennaro. Dirige il signor Tozzi di Ostia

Giorgio Coluccia

Il programma della della 2^ giornata, sabato 29 agosto, ore 19:

Ancona-Salernitana
Cittadella-Albinoleffe
Crotone-Brescia
Frosinone-Mantova
Gallipoli-Cesena
Modena-Ascoli
Piacenza-Lecce
Reggina-Padova
Triestina-Grosseto
Vicenza-Sassuolo
Torino-Empoli (lunedì 31 agosto, alle 20.45)

Classifica: Lecce, Torino, Empoli, Sassuolo, Brescia, Frosinone, Reggina, Padova 3, AlbinoLeffe, Ascoli, Gallipoli, Mantova, Triestina, Vicenza 1; Cittadella, Modena, Salernitana, Crotone, Piacenza, Ancona, Grosseto, Cesena 0.

Attualità

Ufficiali, Cavalieri e Onorificenze al Merito

Domani la consegna delle Onorificenze dell’Ordine “Al Merito della Repubblica italiana” e degli attestati di Benemerenza al Merito Civile conferiti dal Ministro dell’Interno a Francesco e Federico Morelli per il gesto di coraggio compiuto il 18 ottobre 2011 nel salvataggio in mare del pilota di un ultraleggero dopo un ammaraggio di emergenza a Torre Chianca

Pubblicato

il

Domani dalle ore 17,30 nell’Auditorium del Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, si terrà la consegna delle Onorificenze dell’Ordine “Al Merito della Repubblica italiana” conferite dal Presidente della Repubblica a salentini, nonché la consegna di attestati di Benemerenza al Merito Civile conferiti dal Ministro dell’Interno a Francesco e Federico Morelli (rispettivamente padre e figlio all’epoca dei fatti appena 14enne) che si sono distinti per il gesto di coraggio compiuto il 18 ottobre 2011 nel salvataggio  in mare del pilota di un ultraleggero dopo un ammaraggio di emergenza in località Torre Chianca.

La cerimonia, promossa dal Prefetto della Provincia di Lecce Maria Teresa Cucinotta, prevede la partecipazione delle istituzioni della provincia e dei sindaci dei comuni di residenza degli insigniti.

Gli studenti del Conservatorio di Musica “Tito Schipa ” di Lecce arricchiranno la manifestazione con l’esecuzione di brani musicali per violino e chitarra.

Onorificenze all’Ordine del Merito

Le onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana sono conferite dal Presidente della Repubblica ed attestano le benemerenze acquisite per meriti personali nel campo delle lettere, delle arti, dell’economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.

Le proposte per il conferimento delle Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana vengono curate dal Prefetto della Provincia di residenza, che ne predispone l’istruttoria, fornendo il proprio parere in relazione al grado onorifico da conferire, sia su richiesta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sia di  propria iniziativa.

L’Ordine è suddiviso nei seguenti gradi onorifici: Cavaliere di Gran Croce, Grande Ufficiale, Commendatore, Ufficiale, Cavaliere.

Di norma non si possono conferire onorificenze in favore di cittadini italiani che non abbiano compiuto il 35° anno di età, ad eccezione di particolari motivi che ne giustifichino la concessione.

Tra una onorificenza e l’altra di grado superiore occorre, di norma, una permanenza di almeno tre anni.

Riceveranno il grado onorifico di Ufficiale

  • il Maggiore Antonio Petrachi (deceduto, ritirerà l’onorificenza il figlio Massimiliano) di Lecce, ex Comandante del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo del Comando Gruppo Carabinieri di Bari;
  • il Maggiore Salvatore Antonio Martire Capasa, di Cavallino, ex Maggiore dell’Esercito presso la Scuola di Cavalleria di Lecce

I diplomi di Cavaliere

  • Teresa Chianella di Gallipoli, presidente della Commissione Pari Opportunità di Bari;
  • Pierpaolo Mano, di Lecce, ex Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi ed ora in servizio presso il Comando Generale del Corpo;
  • Col.Gabriele Ventura, di Lecce, Comandante della Sezione Anticrimine dei Carabinieri di Lecce;
  • Capitano Cosimo Errico, di Casarano, ex Comandante della Compagnia Carabinieri di Casarano, attualmente comandante del Nucleo Investigativo del reparto operativo del Comando provinciale di Grosseto;
  • Ten. Daniele Cocciolo di Squinzano, Comandante del Nucleo Operativo Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Brindisi;
  • Capitano di Vascello Mario De Rosa, di Lecce, Capo Ufficio presso Stato Maggiore Marina Militare di Roma;
  • Michele Giannachi, di Corigliano d’Otranto, Maresciallo Capo dell’Arma dei Carabinieri addetto alla Stazione Carabinieri di Nociglia;
  • Giovanni De Giovanni, di Lecce, ex funzionario azeindale e autore di testi teatrali;
  • Antonio Manni, di Castro, Maresciallo Maggiore dell’Arma dei Carabinieri in servizio presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri;
  • Benito D’Angelo, di Lecce, ex Sottufficiale dei Carabinieri;
  • Daniele Merico, di Matino, Brigadiere Capo dei Carabinieri presso Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Casarano;
  • Antonio Panico, di Galatina, Maresciallo maggiore dei Carabinieri in servizio presso il Nucleo Operatico Ecologico di Lecce;
  • Daniele Girolamo Tedesco, di Casarano, ex Luogotenente con cariche speciali dell’Arma dei Carabinieri;
  • Alessandro Tricarico, di Sannicola, Appuntato Scelto con Qualifiche Speciali dell’Arma dei Carabinieri presso il Comando Provinciale di Lecce;
  • Giovanni Vigliotti, di Parabita, Appuntato Scelto dei Carabinieri in servizio presso Compagnia di Casarano;
  • Vincenzo Renna, di Squinzano, ex Commissario della Polizia di Stato;
  • Rocco Ria, di Surbo, ex Sovrintendente del Capo della polizia di Stato presso la Questura di Lecce;
  • Giuseppe Ciardo, di Gagliano del Capo, Luogotenente della Guardia di Finanza presso la Tenenza di Tricase;
  • Stefano Donadeo, di Spongano, Appuntato Scelto della Guardia di Finanza della Compagnia di Otranto;
  • Fernando Ferilli, di Casarano, Vice Brigadiere Compagnia Guardia di Finanza di Gallipoli;
  • Luigi Renis, di San Donato di Lecce, ex Luogotenente dell’Aeronautica Militare dello Stato Maggiore della Difesa – Reparto Informazione e Sicurezza del Centro Interforze di Lecce;
  • Giovanni Nuzzo, di Minervino di Lecce, ex Sottufficiale dell’Esercito, Comando Brigata Genio di Udine;
  • Marcella Rucco, di Lecce, ex Provveditore agli Studi di Lecce;
  • Ferdinando Valentino, di Copertino, ex Direttore del Servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce;
  • Vincenzo Mosca, di Trepuzzi, ex Sovrintendente della Polizia di Stato presso la Questura di Lecce;
  • Gioconda Paola Casto, di Salve, vice presidente Commissione Pari Opportunità di Salve ed imprenditrice nel settore utristico;
  • Arturo Imperio, di Lecce, ex Direttore Tributario dell’Agenzia delle Entrate di Lecce;
  • Marco Imperio, di Lecce, revisore legale, imprenditore informatico;
  • Aldo Sacquegna, di Lecce, artigiano presso sartoria Ditta Lord di Lecce;
  • Maria Stampete, di Castrignano de’ Greci, maestra di merletto al tombolo della tradizione canturina;
  • Donato Maggiulli, di Galugnano (San Donato di Lecce), collaboratore amministrativo contabile del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
Continua a Leggere

Attualità

Maltempo: appena 900mila euro per i paesi salentini colpiti

Il Consiglio dei Ministri corregge al ribasso i 2 milioni previsti. Tra i beneficiari Gallipoli, Porto Cesareo, Taviano, Nardò, Calimera, Ruffano e Corigliano

Pubblicato

il

Il Ministro Boccia, nella sua visita in Salento, aveva parlato di due milioni, saranno invece appena 900mila gli euro destinati ai paesi salentini devastati dal ciclone mediterraneo di fine novembre

Previsto un primo stanziamento di 100 milioni di euro con i fondi divisi nel seguente modo: Abruzzo 1.685.410,82 euro; Basilicata 48.977,78 euro; Calabria 666.163,21 euro; Campania 2.357.094,62 euro; Emilia Romagna 24.438.027,72 euro; Friuli Venezia Giulia 932.628,50 euro; Liguria 39.950.673,95 euro; Marche 156.786,97 euro; Piemonte 19.634.880,93 euro; Puglia 897.848,95 euro; Toscana 5.294.037,86 euro; Veneto 3.937.468,69 euro.

Tra i 60 comuni pugliesi beneficiari delle risorse anche Gallipoli, Porto Cesareo, Taviano, Nardò, Calimera, Ruffano e Corigliano d’Otranto.

Successivamente saranno stanziate ulteriori risorse per l’attivazione di prime misure economiche di immediato sostegno al tessuto economico e sociale e alla ricognizione dei fabbisogni per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture, pubbliche e private, danneggiate.

Continua a Leggere

Attualità

L’Uni Salento vicina alle popolazioni dell’Albania

Numerosi sono stati gli studenti albanesi che si sono formati nel nostro Ateneo: alcuni si sono fermati e integrati

Pubblicato

il

TERREMOTO IN ALBANIA, IL RETTORE FABIO POLLICE: «VICINI ALLA POPOLAZIONE»

Il Rettore dell’Università del Salento Fabio Pollice esprime la vicinanza della comunità accademica alla popolazione albanese, in questi giorni duramente colpita da una grave catastrofe naturale:

«Desidero che quelle popolazioni colpite dal sisma ci sentano vicini, sentano il nostro affetto. Un rapporto profondo ci lega e, guardando dalle nostre coste verso le vostre montagne, sappiamo che quel rapporto si rafforzerà negli anni a venire a beneficio delle nostre rispettive popolazioni” esordisce il Rettore Fabio Pollice, “nel segno di una comunione d’intenti che è già evidente nei progetti di cooperazione in corso. Con diversi Atenei albanesi abbiamo infatti stretto collaborazioni scientifiche e realizzato scambi accademici, insieme abbiamo contribuito a portare avanti significativi progetti tanto in ambito scientifico-tecnologico, quanto in ambito umanistico.

Numerosi sono stati gli studenti albanesi che si sono formati nel nostro Ateneo: alcuni si sono fermati e integrati, divenendo parte della nostra comunità, altri sono tornati in Albania portando con loro il calore della nostra terra. Confidiamo che altri studenti vengano in futuro a studiare da noi, come i nostri da voi e che si creino progetti formativi congiunti, progetti che rafforzino la coesione tra i nostri due popoli. Come comunità accademica ribadiamo”, chiude il Rettore, “la nostra vicinanza alla popolazione colpita dal sisma e siamo pronti a porre in essere qualsiasi iniziativa di collaborazione ci venga richiesta per aiutarla a rimettersi in piedi e tornare a guardare con fiducia al futuro».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus